ATTO VANDALICO

Danneggiano lo scuolabus: nei guai tre giovani, uno è minorenne

I tre ragazzi sono stati denunciati per danneggiamento e interruzione di pubblico servizio

Danneggiano lo scuolabus: nei guai tre giovani, uno è minorenne
Pubblicato:

A seguito di un'attività di indagine, i Carabinieri della Stazione di Romanengo hanno denunciato tre giovani, due maggiorenni e un minorenne, per danneggiamento aggravato e interruzione di pubblico servizio.

Tre giovani denunciati

L'operazione è stata condotta in seguito alla denuncia presentata la settimana scorsa dal titolare di un'azienda di trasporti, che segnalava il danneggiamento di uno dei suoi autobus impiegati nel servizio scuolabus tra Ricengo e Offanengo, per conto del comune di Ricengo.

L'autobus danneggiato

In particolare, ha riferito che la sera del 21 marzo 2024, verso le 19 aveva verificato che il mezzo, in sosta su una piazzola a Ricengo, aveva subito il danneggiamento del vetro della porta anteriore dedicata ai passeggeri, provocando anche il fermo del mezzo per la conseguente riparazione.

Le immagini di videosorveglianza

Le indagini dei Carabinieri di Romanengo hanno preso avvio dall'acquisizione delle immagini delle telecamere di sorveglianza della zona, che hanno chiaramente mostrato l'arrivo di un'auto vicino all'autobus.

Dall'auto sono scesi tre giovani, tutti già noti alle autorità, che hanno iniziato a girare intorno al mezzo prima di danneggiarlo, forzando la portiera anteriore. Dopo il danneggiamento, i giovani sono saliti sull'autobus per poi allontanarsi poco dopo e fuggire a bordo dell'auto.

Rintracciati

Utilizzando le banche dati disponibili, i Carabinieri hanno identificato il proprietario dell'auto e confermato che i tre giovani fermati a bordo erano gli stessi individuati nelle immagini delle telecamere.

Di conseguenza, i tre giovani sono stati denunciati all'autorità giudiziaria per il danneggiamento commesso all'autobus. L'operazione dei Carabinieri testimonia l'impegno delle forze dell'ordine nel contrastare atti vandalici e garantire la sicurezza e l'integrità del patrimonio pubblico.

Commenti
Lascia il tuo pensiero

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui nostri canali