Scuole al gelo ad Agnadello, arriva la replica della minoranza

Non è tardata ad arrivare la replica dell'ex Maggioranza

Scuole al gelo ad Agnadello, arriva la replica della minoranza
19 Gennaio 2020 ore 09:19

Dopo le polemiche delle scuole al gelo di Agnadello è arrivata finalmente la replica dell’ex maggioranza (oggi all’opposizione).

Scuola al gelo

Giornate scolastice finite prima del tempo e allenamenti annullati: sono state queste le conseguenze del  guasto avvenuto settimana scorsa, ad Agnadello.  Stando a quanto emerso, la causa sarebbero alcuni problemi tecnici all’impianto di riscaldamento, piuttosto datato. Mercoledì della scorsa settimana i tecnici sono intervenuti e hanno risolto temporaneamente i guasti ma nel frattempo sia tra le mamme che nell’ambiente della politica locale si sono concatenate le reazioni. Anche perché solo poche settimane prima lo stesso problema si era verificato al centro sportivo, i cui impianti sono rimasti al freddo da ottobre fino all’inizio di dicembre.

Le polemiche

Parisciani, rappresentatnte della nuova maggioranza, aveva sfidato i predecessori. Questi hanno però replicamento duramente attraverso un comunicato. “Constatiamo che il vicesindaco con delega alla sicurezza ed allo scaricabarile, due assessorati esclusivi del nostro Comune, non perde occasione per scaricare sulla precedente giunta responsabilità di ogni tipo – si legge nel comunicato della lista Per Agnadello –  L’ultima, in ordine di tempo, riguarda il malfunzionamento della centrale termica, che ha causato l’interruzione del riscaldamento della palestra, ora ripristinato. In un comunicato stampa, Parisciani descrive la situazione dell’impianto di riscaldamento come “disastrosa”, per colpa dell’incuria della precedente giunta. Nella realtà dei fatti, la precedente giunta era intervenuta sulla centrale termica ( che riscalda, oltre alla palestra, il palazzo municipale, la scuola media, la scuola dell’infanzia e la scuola primaria) sostituendo due delle tre mega caldaie che costituiscono l’impianto. Non era stata sostituita la terza caldaia, quella più piccola, perché non presentava problemi. Inoltre, interventi di sostituzione di pompe vecchie con pompe nuove, sono stati effettuati presso le cosiddette “sottostazioni” del palazzo municipale e scuola media. Non ricordiamo precisamente, ma il costo di questi interventi di sostituzione ha probabilmente superato i 50mila euro.”

Leggi la replica integrale sul prossimo numero del CremascoWeek

TORNA ALLA HOME

Video più visti
Foto più viste
Top news regionali
Il mondo che vorrei
Amici della neve