Punto stampa

Riaperture a macchie? Fontana frena: “Nessuna differenziazione tra Province”

Il Governatore ha declinato l'ipotesi di un lockdown territoriale.

Riaperture a macchie? Fontana frena: “Nessuna differenziazione tra Province”
Cremona, 19 Novembre 2020 ore 19:58

Riaperture a macchie? Il Presidente Fontana frena: “Nessuna differenziazione tra Province. In Regione stiamo assumendo un comportamento unitario tra territori”.

LEGGI ANCHE>> La Lombardia zona rossa fino al 3 dicembre: arriva l’ufficialità

Riduzione dei ricoveri

Il Governatore della Lombardia Attilio Fontana è intervenuto oggi, attorno alle 18.15, sui propri canali social per aggiornare la popolazione lombarda sull’andamento della pandemia.

“Per quanto riguarda i dati odierni il graduale e costante miglioramento in atto, oggi ha trovato una conferma in un dato che io ritengo estremamente importante: dopo giorni e giorni si è assistito per la prima volta a una riduzione del numero delle persone ricoverate in ospedale. Un dato molto importante che dimostra come le misure che avevamo assunto il 22 di ottobre abbiano creato sicuramente dei risultati positivi. Alla fine di questa settimana inoltre assisteremo anche all’esito che l’ulteriore restringimento disposto dal Governo potrà determinare”.

Nessuna differenziazione per province

“Ho avuto due incontri oggi, con i Sindaci dei comuni capoluogo e con i Presidenti delle Province, per fare una valutazione della situazione.  Tutti quanti, cosa che ritengo estremamente importante, abbiamo deciso di continuare questa nostra battaglia contro il virus in maniera unitaria. Quindi, per il momento, non faremo delle richieste di differenziazione territoriale. Questo anche sulla base dell’esame dei dati che confermano come l’epidemia in questo momento in Regione stia assumendo un comportamento unitario. Infatti i dati, più o meno, delle singole province sono sovrapponibili”.

I parametri

“Abbiamo discusso anche con il Governo per quanto riguarda la valutazione dei parametri e la loro riduzione. C’è stata una disponibilità da parte del Ministro di sottoporre le nostre osservazioni ai tecnici che si confronteranno per decidere se ridurre, quali ridurre o se modificarli. Da parte del Governo c’è la piena volontà a continuare questo confronto e questa scelta comune delle misure da assumere”.

Zona rossa fino al 3 dicembre?

“In ultimo è volontà del Governo il voler mantenere le misure e la situazione odierna fino al 3 dicembre. Queste sono valutazioni che faremo nei prossimi giorni anche sulla base della evoluzione della situazione epidemiologica”.

Niente cambio di colore quindi né per Cremona né per altre province, salvo nuovi stravolgimenti.

LEGGI ANCHE

Zona rossa, ipotesi riaperture a macchie? Rt di Cremona sopra 1,5. In Lombardia sperano Pavia e Sondrio

TI POTREBBE INTERESSARE

Covid, Presidente Fontana: “Ricoveri in flessione. Piccolo segnale di miglioramento”

Top news regionali
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia