Ad opera di una donna sui 35-40 anni

La banda dei Rolex colpisce due volte in centro a Pandino

Nei giorni scorsi due vittime sono state depredate degli orologi del valore di migliaia di euro.

La banda dei Rolex colpisce due volte in centro a Pandino
Crema, 15 Ottobre 2020 ore 09:59

Con la scusa di cercare lavoro come badante nei giorni scorsi a  Casalmaggiore una donna ha affiancato due pensionate sfilandole l’orologio e la catenina d’oro, per poi fuggire a bordo dell’auto di un complice. Ma un’altra banda dei Rolex scorazza tra Bassa Bergamasca e Alto Cremasco. Come riporta Prima Treviglio, è successo nei giorni scorsi, ed è solo l’ultimo di una lunga serie di colpi.

La banda dei Rolex in azione a Pandino

Il primo colpo era stato messo a segno ai danni di un 83 anni, che poco più di un mese fa stava camminando da solo quando è sbucata dal nulla una donna che, fingendo di conoscerlo, lo aveva abbracciato derubandolo della sua catenina d’oro, del valore di 1500 euro.

Una decina di giorni fa, invece, intorno alle 10, è invece toccato a un 64enne che, appena uscito dalla banca, stava percorrendo la Circonvallazione A in direzione dell’oratorio. All’altezza della scuola materna è stato avvicinato da una rom, dell’apparente età di 35-40 anni, in jeans, con la mascherina sul viso, i capelli neri raccolti in una coda e una borsa a tracolla sopra uno smanicato color turchese.

«Me la sono trovata dietro – ha raccontato – ha cominciato a seguirmi e mi metteva le mani addosso, continuando a chiedere la carità o un lavoro come badante o donna delle pulizie. Ho attraversato la strada e non appena aperta la portiera della mia auto si è fatta ancora più invadente, infilandosi addirittura nell’abitacolo. A quel punto le ho detto di smetterla e l’ho spinta via». La manolesta però è riuscita nel suo intento, sfilando il Rolex del valore di circa seimila euro.

«È scappata via balzando su una “Fiat Punto” grigia, sulla quale la aspettava un complice – ha proseguito – Ho controllato se il mio portafogli fosse ancora in tasca e poi mi sono messo al volante: al momento di uscire dal parcheggio ho scoperto che al mio polso però non c’era più l’orologio… Mi sono messo a inseguirli ma poi li ho persi. È incredibile come me lo abbia sfilato senza che me ne accorgessi. Non ho potuto far altro che sporgere denuncia alla locale stazione dei carabinieri».

Due colpi ravvicinati

Giorni dopo, mentre il 64enne ha chiesto alla titolare di un vicino esercizio se le telecamere attive sul tratto di strada dove si era consumato il furto avessero ripreso la ladra, una passante ha raccontato di un analogo episodio accaduto al papà.

«Ci ha detto che sabato mattina il padre, che stava camminando nella zona della casa di riposo, in via Vignola, ha visto un’auto scura dalla quale è scesa una donna intorno ai 35-40 anni – ha spiegato il 64enne – ha ripetuto anche a lui che cercava lavoro come badante ed è successa la stessa cosa capitata a me: l’ha allontanata come una spinta e lei è balzata in auto, portandosi via il suo “Longines” d’oro».

Furti con la “tecnica dell’abbraccio”: ladra identificata dalle vittime di Casalmaggiore

TORNA ALLA HOME

Top news regionali
Turismo 2020
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia