Fermato per un controllo aggredisce a calci e pugni i carabinieri: feriti due militari

Arrestato per resistenza a pubblico ufficiale e lesioni personali un 51enne di Pizzighettone.

Fermato per un controllo aggredisce a calci e pugni i carabinieri: feriti due militari
Cronaca Cremona, 01 Ottobre 2019 ore 11:42

Fermato per un controllo aggredisce a calci e pugni i carabinieri: feriti due militari. Arrestato per resistenza a pubblico ufficiale e lesioni personali un 51enne di Pizzighettone.

Arrestato 51enne

Il 30 settembre 2019, alle ore 13.30 a Pizzighettone (CR), i Carabinieri della Compagnia di Cremona, hanno arrestato in flagranza per i reati di resistenza a pubblico ufficiale, ricettazione, lesioni personali  e danneggiamento aggravato: B.M.D., nato a Cremona cl. 1968, residente Pizzighettone e pluripregiudicato.

Fermato per un controllo

Nel corso di un controllo alla circolazione stradale, il 51enne è stato fermato in via Marconi a Pizzighettone alla guida di un ciclomotore Yamaha. Lo stesso si è opposto agli operanti in quanto sprovvisto di patente di guida, di qualunque altro documento personale e anche il mezzo, successivamente, è risultato privo di copertura assicurativa.

Il tentativo di fuga e l’aggressione

Nella circostanza ha cercato di darsi alla fuga, scagliandosi violentemente e colpendo al volto con tre pugni il militare autista. Immediatamente è intervenuto anche il militare capo equipaggio che è stato afferrato al collo e strattonato.

Sul posto sono giunti in ausilio altri militari che sono riusciti a bloccare l’uomo nonostante fosse riuscito a colpire un altro militare con calci e a spingerlo violentemente a terra. Nel farlo salire a bordo dell’autovettura di servizio, lo stesso ha cercato in tutti i modi di divincolarsi sferrando dei calci ad una portiera che è rimasta danneggiata. Dopodiché è riuscito anche a infrangere il divisorio in plexiglass di protezione interna, colpendo pure questo con dei calci.

Due militari contusi

Sul posto è intervenuto il personale sanitario del 118 che ha proceduto al trasporto e alle cure nei confronti di due militari. Sono in corso accertamenti al fine verificare la titolarità del ciclomotore di cui il prevenuto non è stato in grado di giustificare la disponibilità. L’arrestato è stato tradotto presso il proprio domicilio in attesa della celebrazione del rito direttissimo che si terrà nella giornata odierna.

LEGGI ANCHE>> Carte di credito clonate: 5mila euro prelevati da conti correnti di ignari cittadini

LEGGI ANCHE>> Strage di polli per strada, ecco cos’è successo FOTO VIDEO

LEGGI ANCHE>> Si getta dal Ponte di Paderno, 50enne di Spino ritrovato morto nell’Adda

TORNA ALLA HOME PER TUTTE LE ALTRE NOTIZIE

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Curiosità