Cremona e provincia

Controlli antidroga: denunce e sequestri, scovato anche “baby” spacciatore 15enne

Gli uomini della Squadra Mobile hanno battuto le zone centrali e periferiche della città.

Controlli antidroga: denunce e sequestri, scovato anche “baby” spacciatore 15enne
Cremona, 12 Ottobre 2020 ore 15:15

Attività della Squadra Mobile di contrasto al traffico di stupefacenti e alla criminalità diffusa.

Controlli antidroga

Nell’ambito della più ampia attività di prevenzione e repressione dei reati sul territorio, disposta dal Questore di Cremona Carla Melloni, personale della IV Sezione “Antidroga e Contrasto al Crimine diffuso” della Squadra Mobile ha intensificato i servizi di contrasto alla criminalità diffusa e in particolare alla lotta al traffico di sostanze stupefacenti. Il contrasto ai reati in materia di droga è obiettivo perseguito con perseveranza e grande impegno dalla Questura, trattandosi di fattispecie rilevanti non solo sul piano dell’illecito penale ma anche sul piano sociale.

I controlli della Squadra Mobile

Nei giorni scorsi, gli uomini della squadra mobile hanno ampiamente battuto le zone centrali e le vie periferiche della città ponendo in essere sia controlli dinamici rivolti a persone sospette – soprattutto nei luoghi solitamente frequentati da pregiudicati e spacciatori – sia effettuando mirati pattugliamenti e perquisizioni. I risultati non sono tardati ad arrivare.

Il bilancio delle attività messe in campo dagli investigatori della Squadra Mobile della Questura è stato – solo negli ultimi giorni – di un significativo sequestro di sostanze stupefacenti e diverse denunce a piede libero per vari reati.

La vendita della droga

Durante un servizio tipicamente repressivo predisposto nel centro storico cittadino, gli agenti hanno notato due giovani che, dopo aver parlato con un cittadino di origine albanese – già noto a questo ufficio perché gravitante nel modo della droga e destinatario di un provvedimento di espulsione dal territorio nazionale – si allontanavano a piedi, raggiungendo un’abitazione dove, per pochi minuti, faceva accesso il suddetto uomo albanese.

L’attività di osservazione nonché il controllo della coppia di ragazzi effettuato dal personale operante, corroborata da una, seppur celere, attività investigativa, ha consentito di accertare come l’uomo di nazionalità albanese avesse ceduto, poco prima, ai due ragazzi della sostanza stupefacente.

La perquisizione domiciliare

Avendo motivo di ritenere, pertanto, che all’interno dell’appartamento – dove poco prima aveva fatto accesso il reo – potesse essere nascosta della sostanza stupefacente, il personale della Polizia di Stato ha proceduto a perquisizione domiciliare. Attività che poi ha dato esito positivo.

Sono stati infatti rinvenuti e posti sotto sequestro circa 30 grammi di cocaina confezionata in dosi, un bilancino elettronico di precisione regolarmente funzionante con evidenti residui di polvere bianca, materiale per il confezionamento, e due pistole semiautomatiche a salve prive del tappo rosso a chiusura della canna.

Al volante senza patente

Ancora, sempre nell’ambito della medesima attività di potenziamento dei servizi di lotta alla Criminalità diffusa, personale della Sezione dedicata ha proceduto al controllo di un soggetto pluripregiudicato. Nella circostanza, si è appurato come lo stesso fosse alla guida di un’autovettura seppur privo della patente di guida perché mai conseguita. Allo stesso tempo, si è accertato – con l’ausilio di personale della Polizia Stradale – come fosse già stato sanzionato amministrativamente per “guida senza patente” da personale della Questura di Cremona, sanzione che evidentemente non aveva sortito effetto deterrente.

Veniva, quindi, accertato l’illecito penale derivante dalla commissione della recidiva dell’infrazione della guida e dunque si è proceduto a denunciare il trasgressore all’Autorità Giudiziaria.

Evade dai domiciliari

E’ stata sempre una pattuglia della IV Sez. della locale Squadra Mobile a fermare e denunciare in stato di libertà per il reato di evasione un cittadino gambiano, pregiudicato. L’uomo era stato notato dal personale in borghese assieme ad altri soggetti di etnia nordafricana in un orario in cui avrebbe, al contrario, dovuto trovarsi presso il proprio domicilio in stato di detenzione domiciliare.

Baby spacciatore denunciato

E’ stato invece deferito in stato di libertà all’A.G. presso il Tribunale per i Minorenni di Brescia al termine di una breve indagine per detenzione illegale di sostanze stupefacenti un quindicenne cremonese. In particolare, il personale operante, impegnato in una serie di servizi di osservazione nelle principali zone di spaccio, hanno notato un soggetto in evidente stato di attesa. I poliziotti, insospettiti, hanno deciso di seguire con discrezione i movimenti del ragazzo riuscendo a documentare una chiara condotta di cessione di sostanza stupefacente.

Alla luce di tale riscontro, gli stessi hanno deciso di sottoporre a controllo sia il probabile acquirente che il venditore della sostanza stupefacente.

L’atto ha sortito esito positivo in quanto ha consentito agli operatori di rinvenire, occultata all’interno di un pacchetto di sigarette riposto nelle tasche del pantalone dello spacciatore, un involucro di cellophane trasparente contenente sostanza stupefacente di tipo hashish, per un peso pari a grammi 0,9, successivamente posta sotto vincolo di sequestro. Inoltre, si è proceduto anche a contestare all’acquirente l’illecito amministrativo.

I controlli continuano

Quelli sopra descritti sono i risultati dell’intensificazione dei servizi finalizzati al contrasto del traffico di sostanze stupefacenti e alla lotta al crimine diffuso che i Poliziotti della Squadra Mobile della Questura di Cremona hanno da tempo intrapreso per arginare e combattere tale fenomeno nel territorio di questa Provincia. Le attività descritte continueranno senza soluzione di continuità.

Impennata di casi, il Sindaco Stefania Bonaldi: “Altro che non c’è Coviddi”

TORNA ALLA HOME

Top news regionali
Turismo 2020
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia