TEMPO LIBERO

Cosa fare a Cremona e provincia: gli eventi del weekend (27 - 28 gennaio 2024)

Gli appuntamenti da non perdere per il prossimo fine settimana

Cosa fare a Cremona e provincia: gli eventi del weekend (27 - 28 gennaio 2024)
Pubblicato:
Aggiornato:

Gli appuntamenti imperdibili per il prossimo fine settimana a Cremona e provincia: i nostri consigli per sabato 27 e domenica 28 gennaio 2024.

Se volete invece fare un giro fuori zona cliccate qui per scoprire gli eventi di sabato 27 e domenica 28 gennaio 2024 in Lombardia.

Cosa fare a Cremona: gli eventi del weekend (27-28 gennaio 2024)

CREMONA. Giornata della memoria

  • Sabato 27 gennaio 2024 - Ore 11 - Viale Trento e Trieste

L’Assessorato alla Cultura ha riunito in un unico programma le iniziative, organizzate o patrocinate dal Comune di Cremona, che si terranno nel periodo in cui ricorre il Giorno della Memoria. Cerimonie, incontri e momenti comuni di narrazione dei fatti e di riflessione, rivolti in particolare agli studenti, ma non solo, su quanto è accaduto al popolo ebraico e ai deportati militari e politici italiani nei campi nazisti in modo da conservare nel futuro la memoria di un tragico ed oscuro periodo della storia nel nostro Paese e in Europa, affinché simili eventi non possano mai più accadere.

Sabato alle 11, in viale Trento e Trieste, angolo via Belfiore, alla presenza delle autorità cittadine, si terrà la cerimonia di scoprimento della targa che ricorda che in quel luogo sorgeva la famigerata Villa Merli, luogo di detenzione e tortura della polizia politica fascista. Sempre sabato ma alle 17, nella Sala Manfredini di Palazzo Affaitati (via Ugolani Dati, 4), nell’ambito della rassegna “Musica e Arte”, si terrà un concerto per il Giorno della Memoria a cura del Conservatorio “Claudio Monteverdi” (musiche di Joachim Stutschewsky, Erwin Schulhoff e Gustav Mahler).

Per tutti gli altri appuntamenti CLICCARE QUI.

CREMONA. I giusti fra le nazioni

  • Dal 27 gennaio al 22 febbraio 2024 - Palazzo Duemiglia, Via Brescia 92

Nel 1953, la Knesset, il Parlamento israeliano, ha fondato il “Memoriale di Yad Vashem”, un’istituzione sul Monte della Rimembranza, a Gerusalemme. Uno dei suoi compiti è quello di custodire la memoria dei “Giusti tra le Nazioni, che rischiarono la vita per salvare degli ebrei”. E proprio da questa istituzione proviene la mostra documentaria che si apre sabato 27 gennaio, Giorno della Memoria, alle 21, a Palazzo Duemiglia con il concerto di musica Yiddish dei Sonantes, introdotti da Giorgio Denti. L’ingresso è libero.

CREMONA. L’Ulisse di Hugo Pratt

  • Fino al 3 marzo 2024 - Museo archeologico San Lorenzo, Via San Lorenzo

Una mostra che nasce da un connubio, quello della leggenda dell'antico eroe greco Ulisse e le tavole che Hugo Pratt realizzò nel 1963 per il Corriere dei Piccoli, qualche anno prima della nascita del suo più celebre marinaio: Corto Maltese. Ed è un incontro anche quello tra due importanti realtà del Comune di Cremona: il Museo Archeologico che ospita la mostra, esponendo le tavole fianco a fianco dei suoi reperti, e il Centro Fumetto Andrea Pazienza che organizza l'esposizione nell'ambito del suo 35° anniversario. I magici disegni di Hugo Pratt descrivono i colori, le espressioni, le paure, i silenzi di uno degli eroi antichi più amati e più discussi, l’eroe del viaggio, protagonista di un percorso di vita che è da sempre simbolo di libertà e di avventura ma anche di potere e di inganno. In mostra saranno esposte 25 tavole originali, fronte b/n, retro a colori, collocate tra le opere del Museo, oltre a più di 100 pagine del libro. Potrete ammirare inoltre numeri originali del Corriere dei Piccoli e altre pubblicazioni di Pratt. Orari: da martedì a giovedì: 9-13; venerdì, sabato, domenica e festivi: 10-17.

CREMONA. La pace in testa

  • Domenica 28 gennaio 2024 - Piazza del Comune

“La Pace in testa” è il titolo della giornata della pace diocesana che si terrà nel pomeriggio del 28 gennaio e che vedrà in piazza del Comune a Cremona diverse associazioni e realtà collaborare e ritrovarsi per tenere in mente la necessità di pace a partire dalle nostre relazioni quotidiane fino ad arrivare agli scenari terribili dove la guerra è realtà quotidiana. Maggiori info e programma CLICCANDO QUI

CREMONA. Piccio su Carta

  • Fino all'1 aprile 2024 - Museo Civico Ala Ponzone, Via Ugolani Dati 4

Nelle sale della Pinacoteca la mostra sul Piccio a Cremona. Il Comune, in particolare l’assessorato alla cultura che fa capo a Luca Burgazzi, ha acquisito una quindicina di disegni inediti del pittore che saranno esposti per la prima volta al pubblico, non solo disegni ma in mostra ci saranno anche altre opere del Piccio provenienti da collezioni pubbliche e private. La mostra resterà aperta al pubblico  sino a lunedì 1 aprile 2024 e sarà visitabile tutti i giorni, dal martedì alla domenica, dalle 10 alle 17.

CREMONA. Impressioni

  • Fino al 31 gennaio 2024 - Associazione Culturale Eridano, via Tribunali

Si intitola "Impressioni" la mostra personale dell'artista Roberto Bedani che, fino a mercoledì 31 gennaio (Orario: 9-12), è visitabile con ingresso libero negli spazi dell'Associazione Culturale Eridano in via Tribunali, 8 a Cremona.

L'arte di Bedani, noto per la sua maestria nel catturare l'essenza di momenti fugaci e paesaggi suggestivi, è condensata nella mostra "Impressioni", che offre al pubblico l’opportunità di immergersi nell'universo emotivo dell'artista attraverso le sue opere straordinarie. La personale offre una prospettiva affascinante sul suo processo creativo, lasciando emergere tutta la sua capacità di tradurre le emozioni in forme visive.

CREMONA. La cura del patrimonio

  • Fino al 3 marzo 2024 - Museo del Violino - PROROGATA

Mandolini e carte stradivariane. Info su museodelviolino.org

CASALMAGGIORE. Milleuna Fibbia

  • Fino al 17 marzo 2024 - Museo del Bijou, Via Azzo Porzio 9

Una storia appassionante quella della fibbia, gioiello funzionale fin dall'antichità indispensabile complemento dei più originali outfit e, ancora oggi, utilizzata dalle più rinomate case di moda. La considerevole selezione dei pezzi esposti in occasione della mostra allestita al Museo del Bijou narra la storia della fibbia attraverso una collezione tra le più importanti al mondo, quella di Enrico e Paola Pennasilico, cui si aggiungono i pezzi del museo stesso. La mostra è un grande evento d’arte e cultura realizzato dal Comune di Casalmaggiore (official partner èpiù Padania Alimenti): un affascinante tour visivo con un focus dal Diciottesimo secolo alla metà del Novecento che propone via via modelli da scarpa, da cintura, da pantalone, da mantello, da cappello, fondamentali indicatori di status sociale, sempre al passo con innovazioni estetiche, tecnologiche e di materiali, per illustrare come le fibbie abbiano accompagnato l’evolvere del gusto e della moda, intrecciando costume, arte e gioiello.

La mostra è una gallery di pezzi straordinari, selezionati dalla prestigiosa collezione Pennasilico che conta migliaia di esemplari e che si è formata in decenni di appassionata ricerca, vantando fibbie di grande valore insieme a piccole curiosità e pezzi di assoluta originalità. Info CLICCANDO QUI.

CREMA. Carnevale Cremasco

  • Domenica 28 gennaio, 4, 11 e febbraio 2024

Festa di Carnevale in piazza Duomo a Crema ad ingresso gratuito dalle ore 15 alle 18. L’Associazione CREMALIVEART presenta “ Aspettando il Carnevale": animazione musicale, maschere e intrattenimento ludico.

CREMA. Mostra mercato Piccolo Antiquariato e del Vintage

  • Domenica 28 gennaio 2024 - Dalle 9 alle 18 - Giardini Pubblici di Porta Serio

Come ogni secondo sabato e quarta domenica del mese, la tradizionale mostra mercato del Piccolo antiquariato e del vintage.

TORRE DE' PICENARDI. Presentazione libro "Le ragazze stanno bene”

  • Sabato 27 gennaio 2024 - Ore 19 - Società Operaia di Mutuo Soccorso, via Garibaldi 31/A

Sabato 27 alle 19 verrà presentato il libro “Le ragazze stanno bene”, di Giulia Cuter e Giulia Perona (HarperCollins). Ci sono molte cose che le ragazze contemporanee non vogliono più essere: non le spose sottomesse degli anni Cinquanta, tutte casa, cucina e marito, ma nemmeno le femministe arrabbiate degli anni Settanta, con i loro falò di reggiseni e l’odio per i maschi. Ci sono molte altre cose che le ragazze contemporanee sono già, invece: donne in carriera, politiche impegnate, esseri umani indipendenti nella gestione del proprio corpo e della propria vita sentimentale e sessuale. Eppure quelle ragazze continuano a essere anche figlie, fi danzate, madri, spose. Come non rimanere, allora, prigioniere dell’uno o dell’altro modello?

A seguire, una cena aperta a tutti, con prenotazione consigliata, e al termine, dalle ore 21:30, il concerto di Andrea Cubeddu, cantautore sardo in tour con il suo nuovo album, Terraferma, in cui vi confluiscono canzoni che nascono dall'esigenza di coltivare il dubbio, quella forza che ci scuote da dentro, come un violento terremoto, e fa tremare tutte le idee sulle quali costruiamo la nostra vita. Per informazioni e prenotazioni: e-mail: soms1908@libero.it; telefono: 3387307304; social: SOMS 1908 – Fiducia Festival

TRIGOLO. I Canti della Merla

  • Domenica 28 gennaio 2024 -  ore 18 - Piazza Europa

L'Amministrazione Comunale di Trigolo, con la collaborazione del Gruppo Volontari e del Gruppo Cantori guidati da Giovanna Stanga, organizza la 42esima Edizione dei “Canti della Merla”. L’appuntamento è per domenica 28 gennaio alle ore 18 in Piazza Europa, con ingresso libero e gratuito, per riproporre una tradizione di lunga data le cui origini si perdono nella notte dei tempi, rispolverando i vecchi tabarri e gli antichi scialli.

E’ dal 1981 che, dopo due anni di forzata assenza a causa della pandemia, ogni anno – anche se ormai soltanto come momento folkloristico d’aggregazione ma che coinvolge l’intera comunità – a Trigolo viene fatto rivivere uno dei riti salienti dell’antico calendario contadino nel quale, mediante il canto e l’accensione di fuochi, il mondo rurale cercava di propiziarsi il buon andamento del nuovo anno agricolo e, specialmente, della stagione d’allevamento dei bachi da seta dalla quale i contadini traevano la più cospicua integrazione del magro bilancio familiare.

I riti propiziatori sono ancora oggi scanditi dagli stessi momenti che un tempo caratterizzavano questa antica usanza contadina: stornelli, falò, distribuzione di “cibi tradizionali della civiltà contadina”, accompagnati dalla mescita di “vin-brûlé” contro il freddo.

 

Commenti
Lascia il tuo pensiero

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui nostri canali