SPORT

Nel mitico Paladozza la Juvi Ferraroni ha ceduto 93 a 72 contro la Fortitudo Bologna

Gli oroamaranto non sono riusciti a stravolgere il pronostico che li vedeva sfavoriti

Nel mitico Paladozza la Juvi Ferraroni ha ceduto 93 a 72 contro la Fortitudo Bologna
Pubblicato:
Aggiornato:

FLATS SERVICE FORTITUDO BOLOGNA – JUVI FERRARONI CREMONA 93-72

Parziali 21-17, 44-35, 67-52

FORTITUDO BOLOGNA: Aradori 14, Fantinelli 11, Bolpin 8, Ogden 20, Freeman 11, Conti 6, Morrgillo 2, Panni 10, Sergio 11, Giordano, Braccio e Kuznetsov ne. All Caja

JUVI FERRARONI: Musso 9, Sabatino 2, Costi 5, Vincini 7, Shaid 22, Magro 5 , Cotton 5 Timperi 6, Benetti 11, Grassi, Tortu e Boni ne. All. Bechi.

Fortitudo Bologna-Juvi Ferraroni 93-72

La Juvi Ferraroni non è riuscita a stravolgere il pronostico che la vedeva sfavorita nel match di Bologna nei confronti della corazzata Flats Service Fortitudo. Nel mitico Paladozza gli oroamaranto hanno ceduto 93 a 72 nella prima gara della “fase ad orologio” contro una delle squadre più forti del campionato di serie A2, e candidata al ritorno nella massima serie, il sodalizio di coach Bechi ha resistito sino all’intervallo, poi non ha più avuto scampo. Tra i cremonesi era assente per infortunio il terminale offensivo Lorenzo Tortu.

Il match

Ritmo di gioco subito intenso. 13-8 al 4’ per i padroni di casa che mostrano chiaramente le loro intenzioni. Questi piazzano un parziale di 7-0 ma Benetti e Shaid ricuciono e 21-17 al 10’. Nel secondo periodo i tiratori emiliani faticano parecchio contro la difesa juvina ben disposta e granitica. Shahid in attacco è immarcabile sigla 14 punti e tiene i suoi a contatto con la Effe. Questa compie un accelerata dal 17’ e 44 a 35  all’intervallo. Nel terzo si mettono in evidenza Cotton e Vincini ma Bologna non concede nulla, aumentando nettamente il distacco 54-40 al 25’. La Juvi Ferraroni commette vari errori al tiro dalla distanza consentendo al team di coach Caja di staccarsi sul più 17.  67-52 al 30’ . Nell’ultima frazione Cremona non  ha più sussulti ed il match non ha più storia.

Marco Ravara

(Foto di copertina: Ferraroni JuVi Cremona 1952)

Commenti
Lascia il tuo pensiero

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui nostri canali