SPORT

La Juvi Ferraroni domenica in trasferta a Chiusi contro l'Umana

Gli oroamaranto hanno la grossa opportunità di interrompere la pesante serie di sei sconfitte consecutive

La Juvi Ferraroni domenica in trasferta a Chiusi contro l'Umana
Pubblicato:

La Juvi Ferraroni domenica a Chiusi contro l’Umana (inizio ore 18) ha la grossa opportunità di interrompere la pesante serie di sei sconfitte consecutive. Come noto, gli oroamaranto, in questa “fase a orologio”, non hanno ancora vinto. Mentre alcune avversarie (Forlì, Trapani, Cantù, Fortitudo Bologna) si affrontano a Roma nella final-four di Coppa Italia di categoria, Shaid e compagni “recuperano” il match non disputato della terza giornata per la convocazione di Gaddefors agli europei con la nazionale svedese.

Umana-Juvi Ferraroni

Chiusi è ultima in classifica nel girone rosso, ma ciò non deve assolutamente ingannare. Il team di coach Bassi, infatti, è in crescita ed è reduce da due successi consecutivi riportati contro Treviglio e Cantù. In casa propria poi, si trasforma. Ha lavorato molto intensamente in palestra per preparare il match con la Juvi Ferraroni. Riguardo le speranze di salvezza, a Chiusi non si fanno calcoli di percentuale anche se mancheranno poi solo cinque partite. C’è tanta voglia di lottare e combattere fino all’ultimo secondo. D'ora in avanti ogni possesso deve essere giocato al massimo per rendere queste poche possibilità più credibili e più reali.

Coach Bassi sa che il suo team è “piccolo” ma grintoso e veloce ma deve necessariamente colmare ogni volta il gap con la fisicità degli avversari. Chiusi punta molto sulla difesa per far giocare il minor numero possibile di palloni in attacco agli avversari. Tra gli uomini di maggiore talento Gaddefors, Tilghman, Jerkovic, Erwins, Stefanini, Raffaelli, Possamai, Chapelli, Visintin. Ricordiamo che la società senese San Giobbe Chiusi Basket, aderisce al progetto Reyer, creato dall’Umana Reyer Venezia che coinvolge 30 società del territorio nazionale e che ha l’obiettivo di far crescere i giovani sul piano sportivo, personale e anche il loro inserimento nella società civile.

Marco Ravara

Commenti
Lascia il tuo pensiero

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui nostri canali