Sport

E’ Jarvis Williams il primo americano della Vanoli Basket

Ingaggiato per il prossimo campionato, è un’ala-forte, ma all'occorrenza potrebbe giocare da centro.

E’ Jarvis Williams il primo americano della Vanoli Basket
Cremona, 07 Agosto 2020 ore 17:29

E’ Jarvis Williams, il primo americano della Vanoli Basket del periodo post Covid 19. Ingaggiato per il prossimo campionato, è un’ala-forte, ma all’occorrenza potrebbe giocare da centro. Altezza 202 centimetri, 98 Kg di peso. E’ nato il 21 gennaio 1993 a Macon in Georgia ed è un prodotto della Murray State University nel Kentucky.

La carriera

Dopo i primi due anni passati al Gordon State College dove, dopo un primo anno da 18 punti e 11 rimbalzi a gara, finisce anche la stagione  in doppia cifra per punti (19) e rimbalzi (10) e mette a segno una tripla doppia da 50 punti. Nel CFSB Center di Murray dopo due anni, chiude la sua carriera universitaria con 15,1 punti e 9,4 rimbalzi di media nelle 64 partite disputate. Nell’aprile 2015 è protagonista anche al Portsmouth Invitational Tournament dove in tre gare finisce con 16 punti , 7.7 rimbalzi e 1.3 stoppate.

La carriera professionistica di Williams inizia in Europa: la prima parte della stagione 2015/2016 gioca in Polonia nel  WKS Slask Wroclaw dove in 21 gare di campionato è il primo della Lega per punti (17.2) e il quinto per rimbalzi (8.9) andando 20 volte in doppia cifra e 9 in “doppia doppia”. Con la squadra polacca disputa anche dieci incontri di FIBA Europe Cup a 14.3 punti, 9.2 rimbalzi prima di trasferirsi, nel febbraio 2016, al Tofas Bursa. Nei nove incontri giocati in Turchia mette a segno 13.4 punti e cattura 5.2 rimbalzi di media.

I due anni successivi li passa in ProB francese prima con la maglia del Boulazac Basket Dordogne  e poi con quella del Caen Basket Calvados. Nel marzo 2019 torna in Polonia per 10 incontri con l’Hydro Truck Radom con 14.9ppg, 6.6rpg e 1.3spg. L’ultimo campionato lo vede protagonista in Olanda con la maglia del Leiden. In 19 incontri disputati 18 punti realizza ed 8 rimbalzi media partita, oltre a circa due assist per gara, andando per otto volte oltre i 20 punti e per sei volte in doppia doppia.

In 14 incontri di FIBA Europe Cup mette invece a segno 15.1 punti, cattura 9 rimbalzi (5° assoluto) e smista 1 assist di media. Un giocatore che dovrebbe davvero avere le giuste caratteristiche per ambiente Vanoli.

I prossimi ingaggi

L’attenzione del Gm Flavio Portaluppi si è spostata verso il settore stranieri (altro obiettivo dovrebbe essere Deron Washington già ammirato a Cremona) ma un occhio è anche per gli italiani. Al gruppo saranno aggregati anche Lazar Trunic, prodotto dal vivaio biancoazzurro e Andrea Donda, classe ’99 di 210 cm, 106 kg di peso, pivot ex Capo d’Orlando.

Marco Ravara

(Foto di copertina: vanolibasket.com)

Turismo 2020
Top news regionali
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia