Via libera alla fusione dei Comuni di Ca’ d’Andrea e Torre de’ Picenardi

Di fatto, rimarrà solo la denominazione del Comune di Torre de’ Picenardi.

Via libera alla fusione dei Comuni di Ca’ d’Andrea e Torre de’ Picenardi
Casalmaggiore, 07 Novembre 2018 ore 18:24

La Commissione consiliare Affari istituzionali ha approvato oggi all’unanimità due progetti di legge e i relativi atti amministrativi riguardanti fusioni di Comuni nelle Province di Cremona e di Como.

Via libera alla fusione dei Comuni di Ca’ d’Andrea e Torre de’ Picenardi

All’unanimità la Commissione ha dato il via libera alla fusione dei Comuni di Ca’ d’Andrea e del Comune di Torre de’ Picenardi. Ad illustrare la situazione dei Comuni della provincia di Cremona il consigliere Alex Galizzi (Lega) che ha presentato il risultato del referendum consultivo indetto dai due Comuni lo scorso 10 giugno. A favore dell’incorporazione si sono espressi 631 residenti a Torre de’ Picenardi e 187 a Cà d’Andrea. Di fatto, rimarrà solo la denominazione del Comune di Torre de’ Picenardi.

A Como

A Como invece è arrivato l’ok alla fusione dei Comune di  Solbiate e Cagno. Come proposto dalla relatrice, Gigliola Spelzini (Lega), e fatto proprio dalla Commissione, il nuovo Comune si chiamerà “Solbiate con Cagno”, così come risultato dal referendum consultivo che si è tenuto il 10 giugno scorso. A favore della nuova denominazione hanno votato 933 cittadini (575 di Solbiate e 358 di Cagno), mentre i “sì” alla fusione sono stati complessivamente 1262 (719 a Solbiate, 543 a Cagno). I provvedimenti contengono anche le norme finanziarie che consentono il rimborso regionale ai Comuni per le spese sostenute per i referendum consultivi.

TORNA ALLA HOME PER TUTTE LE ALTRE NOTIZIE

Top news regionali
Turismo 2020
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia