Infrastrutture, Galimberi e Viola: Territorio preso in giro

"A Regione Lombardia e Governo chiediamo non più parole ma fatti".

Infrastrutture, Galimberi e Viola: Territorio preso in giro
Cremona, 20 Novembre 2018 ore 11:27

Infrastrutture, Galimberi e Viola: “Territorio preso in giro. A Regione e Governo chiediamo i fatti”

Infrastrutture, Galimberi e Viola: Territorio preso in giro

Il Sindaco di Cremona Gianluca Galimberti e il Presidente della Provincia Davide Viola fanno il punto sul tema delle infrastrutture.

“In questi giorni sulla stampa leggiamo notizie preoccupanti e gravissime sulle infrastrutture che riguardano la nostra città e il nostro territorio. Come cittadini e come Enti locali ci sentiamo presi in giro. In questi anni abbiamo fatto incontri con tutti i soggetti coinvolti, da Regione Lombardia a Trenord, da Rfi al Ministero, portando con forza le esigenze dei nostri cittadini e delle nostre imprese e manifestando la nostra disponibilità a lavorare insieme per migliorare. Ora, assistiamo a decisioni calate dall’alto e a inaccettabili balletti di responsabilità. Lo abbiamo sempre detto e lo ribadiamo: Cremona ha bisogno di più infrastrutture, su rotaia e su gomma. Lo diremo anche al Ministro alle Infrastrutture Danilo Toninelli che, dopo mesi dalla nostra richiesta, ci riceverà a Milano lunedì 26 novembre prossimo”.

LEGGI ANCHE: Elezioni comunali 2019, il sindaco Galimberti: “Mi ricandido” VIDEO

Questione treni

“Per quanto riguarda i treni, stiamo assistendo, tra governo centrale e Regione, ad un complessivo disinvestimento da parte del centrodestra sul sud della Lombardia: dalla mancata sostituzione dei treni diesel sulla Cremona-Brescia al recente taglio dei treni che verranno sostituiti dai bus, fino al tavolo tecnico sollecitato da Cremona e Piacenza sulle linee Lombardia-Emilia che non è ancora partito. Tutto questo a scapito di pendolari, imprese e turisti e in una delle zone più inquinate d’Italia!”

LEGGI ANCHE:

Taglio treni locali, la Giunta esprime forte preoccupazione

Inquinamento fuori controllo: Cremona tra le 11 città fuorilegge 

“In particolare sulla linea Mantova-Cremona-Milano, il precedente Governo ha messo i soldi per il raddoppio del primo lotto”.

LEGGI ANCHE: Ufficializzato il raddoppio della Mantova-Cremona. Forattini “Buona notizia” 

“Chiederemo al Ministro di dirci quando partiranno i lavori e cosa intende fare per i lotti successivi. Gli chiederemo anche che cosa significa per Cremona che “Trenord sarà una priorità per lo Stato, la Regione e le Ferrovie da qui al 2020”, come hanno dichiarato congiuntamente Ministro, Presidente della Regione Lombardia e Assessore regionale dopo un incontro a Roma. E che cosa succederà nel frattempo, soprattutto”.

LEGGI ANCHE: Studente pendolare filma, con ironia, un anno di disservizi sulla Cremona-Mantova VIDEO

Trasporto su gomma

“Rispetto al trasporto su gomma, in particolare rispetto alla questione dell’autostrada regionale Cremona-Mantova, abbiamo inviato con il Sindaco di Mantova Mattia Palazzi all’ex Presidente Maroni una lettera chiedendo nero su bianco gli intendimenti della Regione e non abbiamo avuto risposta.
Al cambio di governo, abbiamo fatto un incontro con il nuovo Presidente della Regione Attilio Fontana e con il nuovo

Assessore Claudia Maria Terzi in cui abbiamo ribadito l’importanza del collegamento con Mantova e la necessità, comunque, di intervenire sull’attuale arteria stradale. In questi giorni abbiamo appreso dalla stampa che Infrastrutture Lombarde vuole andare verso la revoca del contratto. Ma ripetiamo quella che da sempre è stata la nostra richiesta: la strada tra Cremona e Mantova deve essere migliorata”!

LEGGI ANCHE: Cremona-Mantova: l’autostrada non si farà 

“Se l’autostrada, per cui gli investimenti competono alla Regione, non si farà, i soldi già spesi da Stradivaria devono tornare al territorio per l’infrastruttura e così i soldi previsti per l’autostrada vengano investiti nella riqualificazione della provinciale, anche dentro a un accordo con Anas. A Toninelli faremo presente anche questo, insieme al grandissimo problema dei ponti sul Po che non sono questione di una città o di un territorio, ma sono questione di tutto il paese. Altrettanto ricordiamo a Regione e Governo che la costruzione dell’intermodalità ferro, gomma e navigazione è un progetto vincente per il territorio e per il paese. Noi ci crediamo e ci impegniamo, ma occorre che Regione e Governo siano della partita veramente e non a parole”.

LEGGI ANCHE: Infrastrutture tavolo tecnico su treni e ponti per Cremona e Piacenza 

“Cremona e gli enti locali in questi anni hanno fatto la loro parte anche per far ripartire una città e un territorio che pretendono, ancora e con forza, collegamenti all’altezza del loro sviluppo e del loro futuro”.
Investimenti necessari sulle infrastrutture

“Confermiamo la massima collaborazione con le imprese e le parti economiche sugli stati generali delle infrastrutture e sul tavolo della competitività già attivato e chiediamo con urgenza, insieme agli enti pubblici di Mantova, un incontro al Presidente Fontana e all’Assessore Terzi per un chiarimento sulla situazione e per pretendere nuovamente e con forza un impegno di investimenti sul collegamento Cremona-Mantova e sulle infrastrutture necessarie al territorio”.

TORNA ALLA HOME PER TUTTE LE ALTRE NOTIZIE

Top news regionali
Turismo 2020
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia