Caso mensa Lodi: famiglia ecuadoregna vince il ricorso, sarà così anche negli altri comuni lombardi?

Ecco tutti i comuni lombardi che, dopo la sentenza del Tribunale di Lodi, potrebbero essere a loro volta obbligati a rivedere le proprie posizioni.

Caso mensa Lodi: famiglia ecuadoregna vince il ricorso, sarà così anche negli altri comuni lombardi?
Politica 02 Novembre 2018 ore 10:01

Caso mensa Lodi: una famiglia ecuadoregna residente a Lodi ha vinto il ricorso contro le decisioni della Giunta leghista che prevedevano l’esclusione degli stranieri privi di documentazione aggiuntiva dalle agevolazioni mensa.

Caso mensa Lodi

Come riporta il GiornalediLodi.it sono 130 le famiglie di stranieri residenti a Lodi che hanno presentato ricorso contro il regolamento della Giunta Casanova sul tema prestazioni agevolate. La prima decisioni del giudice del tribunale civile di Lodi è arrivata. Una famiglia originaria dell’Ecuador ha ottenuto di poter accedere alle prestazioni sociali agevolate. L’avvocato Daniele Nigro, che rappresenta la famiglia straniera, aveva depositato il ricorso per l’ammissione del bambino in mensa il 2 ottobre.

Contestato e vinto

Il Comune ha dichiarato di avere ammesso il bambino ecuadoregno in mensa senza riserve. Il legale ha dichiarato: “Questa famiglia ha dovuto adire fino al tribunale per vedersi riconosciuto un diritto che le spettava, come ha ammesso 24 ore prima dal Comune”.

Non c’è solo Lodi

Allargando lo sguardo, però, si scopre che Lodi non è l’unico Comune lombardo che ha scelto questa via. A fare chiarezza, soprattutto legale, sulla vicenda è intervenuta Asgi (Associazione studi giuridici sull’immigrazione) – formata da un gruppo di avvocati, giuristi e studiosi, che ha, nel tempo, contribuito con suoi documenti all’elaborazione dei testi normativi statali e comunitari in materia di immigrazione, asilo e cittadinanza, promuovendo nel dibattito politico-parlamentare e nell’operato dei pubblici poteri la tutela dei diritti nei confronti degli stranieri. A finire nel mirino dell’associazione, che sta raccogliendo le segnalazioni di cittadini e avvocati di altri enti locali che stanno adottando il “modello lodigiano”, c’è anche il Comune di Vigevano, posto sotto l’egida sel sindaco leghista Andrea Sala.

Il Sindaco di Mantova bacchetta Lodi: non è così che si fa la lotta ai “Furbetti”

I Comuni “diffidati”

Asgi ha provveduto, come per i vicini di casa lodigiani, a inivare una diffida all’indirizzo del Comune di Vigevano. Missiva il cui oggetto verte sulla “Deliberazione n. 51 del 13.3.2015 illegittimo trattamento differenziato per i cittadini extra UE.”  Ecco quali sono gli altri Comuni o consorzi a cui il servizio antidiscriminazione ha inviato una diffida:
ASSEMI (azienda sociale sud est Milano);
San Giuliano Milanese (facente parte del Consorzio ASSEMI);
Melegnano (facente parte del Consorzio ASSEMI);
Vigevano;
Lentate sul Seveso;
– Castelcovati (diffida in via di preparazione, non ancora inviata).

LEGGI ANCHE: Ponte di Ognissanti ancora maltempo