PER NON ANNOIARSI

Cosa fare a Cremona nel weekend del 23 e 24 maggio 2020

Appuntamenti ed eventi in questa ultima fase di lockdown... anche se solo in virtuale.

Cosa fare a Cremona nel weekend del 23 e 24 maggio 2020
Cremona, 22 Maggio 2020 ore 09:15

Anche in questo primo weekend di quarantena (anche se ormai sembra lontano anni luce il regime duro, “da 41bis”, delle prime settimane) vi riproponiamo la nostra tradizionale rubrica “Cosa fare nel weekend”, anche se necessariamente sui concerti, gli spettacoli teatrali e i vernissage ai quali eravamo abituati dovremo metterci una pietra sopra ancora per un po’.

Ma ormai è un fiorire di iniziative che permettono di fruire digitalmente di percorsi artistici, con la tecnologia si può arrivare ovunque e abbattere ogni barriera: per cui, perché non approfittarne?

Cosa fare a Cremona nel weekend del 23 e 24 maggio

Con poche e semplicissime mosse si può entrare nel Museo Civico, Stradivariano e Archeologico di Cremona ruotare, zoomare, esplorare in ogni angolo con una lente d’ingrandimento alcune delle sale e delle singole opere. Se non avete mai provato questo tour a 360 gradi è il momento di farlo! In sicurezza e da casa. Lo stesso si può fare, per esempio, con il Museo Civico di Storia Naturale della città.

Museo del Violino insieme a Google Arts & Culture porta online la bottega di Stradivari: utilizzando la tecnologia di Google Street View è possibile effettuare un tour virtuale a 360 gradi del percorso di visita dell’Auditorium Giovanni Arvedi e delle preziose collezioni, esposte al primo piano di Palazzo dell’Arte. Una Collezione digitale di oltre trenta opere. Fruibile la digitalizzazione di dodici preziosi strumenti musicali di Amati, Stradivari e Guarneri (link), a cui si aggiunge ora, in occasione del rilancio a livello globale della piattaforma per l’International Museum Day 2020 (link), una sezione dedicata a forme, modelli, disegni ed attrezzi utilizzati da Antonio Stradivari nella propria bottega (link). (LEGGI DI PIU’ QUI)

Altri appuntamenti imperdibili

Ma non c’è solo Cremona… Stando ancora in semi-quarantena, con la fantasia (ma soprattutto grazie a Internet) possiamo permetterci di spaziare praticamente ovunque. Dove? Le possibilità sono davvero tantissime, nella nostra bellissima Italia, ma non solo.

Viaggio a Pompei

Perché non concedersi una viaggio (seppure virtuale) a Pompei? Grazie ai profili social ufficiali, è possibile quotidianamente visitare e ammirare le bellezze di Pompei  e seguire i lavori di restauro e manutenzione. Il sito web del Gran Palais di Parigi permette di vedere in anteprima, il video della futura mostra “Pompéi” che ha in programma. Ecco una pillola di ciò che potrete trovare nel sito.

Goditi Tiziano e Caravaggio

L’Accademia Carrara di Bergamo, con i progetti #vistadacasa e #museichiusimuseiaperti, racconta sul sito web e sui social, approfondimenti dedicati alla mostra “Tiziano e Caravaggio in Peterzano” e  alle collezioni permanenti del museo.

Oltre 750 opere del Museo Archeologico Nazionale di Napoli

Sul sito del Museo Archeologico Nazionale di Napoli è possibile visitare oltre settecentocinquanta opere, il direttore Paolo Giulierini racconta tre mostre che saranno presenti alla riapertura del museo, dedicate alla preistoria, agli etruschi e ai gladiatori.

Mudec: arte social

Anche il Mudec (Museo delle Culture) di Milano non si ferma e all’insegna di #MudecDelivery/L’arte a casa tua viene a domicilio nelle nostre abitazioni con un’infinità di contenuti speciali. Tramite i canali social la Collezione Permanente viene illustrata con videoclip, card animate, post divertenti, videointerviste e anteprime.

Scoprire Ercolano

Parco Archeologico Ercolano: attraverso i social andremo alla scoperta dell’antica Ercolano. Ogni mercoledì nuovi contributi metteranno in evidenza i valori culturali di un sito archeologico unico al mondo e patrimonio dell’umanità.

Il Palazzo d’Inverno e l’Hermitage

Il Palazzo d’Inverno di San Pietroburgo, maestosa residenza invernale dello zar, spalanca le sue porte all’Italia. Il video in lingua italiana, ci permette di visitare le sale più importanti e significative dell’Hermitage.

Racconti in tempo di peste

Come nel Decameron, sulla pagina Facebook di Racconti in tempo di peste, dallo scorso 9 Marzo 100 artisti hanno deciso di regalare la propria arte per 100 giorni. “Racconti in tempo di peste” presenta un’opera diversa ogni giorno alle 12.00.

Dentro la maestosa Venaria

La Reggia di Venaria di Torino, capolavoro indiscusso di Filippo Juvarra, potrà essere ammirata anche da casa: in qualsiasi momento della giornata ci si può lasciare trasportare dalle sue spettacolari scenografie di luce.

Tante iniziative online dalla Pinacoteca di Brera

Anche la pinacoteca di Brera si oppone al Coronavirus: oltre alle collezioni online, permette di ammirare centinaia di opere con foto ad altissima risoluzione. C’è inoltre un’iniziativa interessante e nuova: chi vuole conoscere la storia di un quadro o scoprire il lato ‘nascosto’ del museo, può guardare i video dal titolo “appunti per una resistenza culturale”, che dimostrano come combattere insieme permette di vincere.

Il Prado e il Louvre

Due fra le istituzioni museali più famose e iconiche del pianeta aprono le porte. E’ possibile effettuare un tour virtuale al Museo del Prado di Madrid una delle pinacoteche più importanti del mondo per visitare opere dei maggiori artisti italiani, spagnoli e fiamminghi, fra cui Beato Angelico, Andrea Mantegna, Raffaello Sanzio. Chiudiamo con la ciliegina sulla torta: una visita virtuale nelle sale espositive e le gallerie del Louvre, che ospita oltre 380.000 oggetti e opere d’arte.

TORNA ALLA HOME

Top news regionali
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
ANCI Lombardia