Cronaca
Crema

Una baionetta e un coltello nello zaino, scatta la denuncia

Durante servizi di controllo della Polizia di Stato di Crema sono state identificate 172 persone e controllati 61 mezzi.

Una baionetta e un coltello nello zaino, scatta la denuncia
Cronaca Crema, 17 Settembre 2021 ore 10:41

Siamo al temine della stagione estiva e continua costante l’afflusso di turisti che soprattutto al fine settimana, incoraggiati dal clima mite, visitano i luoghi più caratteristici della città di Crema.

Controlli di Polizia

Per tale ragione il Commissariato ha attivato in questi giorni operazioni di controllo a vasto raggio nelle zone maggiormente frequentate e ritenute più sensibili come: la stazione ferroviaria, mercato cittadino, parcheggi, locali pubblici, ecc, al fine contrastare fenomeni criminosi diffusi quali gli scippi, i furti in appartamento e i borseggi. L’attività, che ha visto l’impiego di numerose unità operative del Commissariato di Polizia di Stato si è conclusa con i seguenti risultati:

  • PERSONE IDENTIFICATE:  nr. 172
  • AUTOMEZZI  CONTROLLATI:  nr.  61
  • POSTI DI CONTROLLO SULLE STRADE PRINCIPALI:  nr. 14
  • ESERCIZI PUBBLICI CONTROLLATI: nr.3
  • CONTROLLO SOGGETTI AGLI ARRESTI DOMICILIARI: nr. 41

Baionetta e coltelli

In particolar modo le operazioni si sono concentrate nell’area della stazione Ferroviaria ed Autolinee dove sono stati sorpresi in possesso di oggetti atti ad offendere, in due distinte occasioni, un cittadino italiano di anni 24 e una donna Bulgara di anni 40, entrambi residenti a Crema; il primo custodiva nello zaino una baionetta della lunghezza complessiva di cm 26 e un coltello della lunghezza di cm 25, mentre la donna nella borsa deteneva un coltello della lunghezza di cm. 20. I due sono stati indagati alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Cremona per porto di oggetti atti ad offendere.

Divieto di ritorno a Crema

Durante un controllo in Piazzale delle Rimembranze una volante identificava una cittadina italiana di anni 41 residente a Bagnolo Cremasco (CR), con precedenti a carico per reati contro la persona e inerenti gli stupefacenti, che risultava sottoposta a provvedimento di Foglio di Via Obbligatorio con il Divieto di fare ritorno a Crema per anni tre emesso nell’agosto del c.a. dal Questore di Cremona. La stessa veniva indagata alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Cremona per inosservanza del predetto divieto. Medesima contestazione è stata fatta anche ad un cittadino marocchino di anni 26 residente a Castelverde (CR), gravato da diversi precedenti penali, che identificato in viale della Repubblica è risultato colpito da provvedimento di Divieto di far ritorno nel comune di Crema emesso nel 2020 dal Questore di Cremona.

Senza assicurazione

Sono stati inoltre effettuati 5 sequestri amministrativi di altrettante autovetture perché circolanti senza la prescritta copertura assicurativa RCA verso terzi; ai proprietari venivano contestati i relativi verbali del codice della strada (art. 193 C.d.S.).