Immagine diffuse da Essere Animali

Un drone filma l’abbattimento di 28.000 visoni nell’allevamento di Capralba IL VIDEO SHOCK

Gli animali uccisi in una camera a gas e gettati con la pala del trattore in un cassone.

Cronaca Crema, 05 Dicembre 2020 ore 14:28

Immagini sensazionali diffuse da Essere Animali, filmato con un drone l’abbattimento di migliaia di visoni nell’allevamento situato a Capralba, nel cremonese. Come in Danimarca, gli animali uccisi in una camera a gas e gettati con la pala del trattore in un cassone.

ATTENZIONE: IMMAGINI FORTI

L’ordinanza del Ministero della Salute

La decisione di abbattere tutti gli animali è stata presa dall’Ats Valpadana in seguito all’ordinanza del Ministero della Salute che prevede l’uccisione di tutti i visoni, anche i riproduttori, nelle strutture in cui dovessero rivelarsi casi di animali positivi al coronavirus, per l’alto rischio che gli animali possano contagiare gli esseri umani con una forma mutata del virus.

L’allevamento di Capralba e l’abbattimento dei visoni

Nell’allevamento di Capralba, il più grande d’Italia con circa 28.000 animali, quasi la metà di quelli allevati per la pelliccia in Italia, sono stati trovati nei mesi scorsi tre casi di visoni positivi al coronavirus(anche se il titolare Giovanni Boccù aveva sostenuto che non fosse così).

Questo il motivo alla base della decisione di abbattere tutti i capi dell’allevamento e incenerirne le carcasse.  L’ordinanza che disciplina la materia spiega infatti che “in caso di sospetto di infezione, le autorità locali competenti dispongono il sequestro dell’allevamento, il blocco della movimentazione di animali, liquami, veicoli, attrezzature e l’avvio di una indagine epidemiologica. In caso di conferma della malattia, i visoni dell’allevamento sono sottoposti ad abbattimento”.

E così è cominciato a Capralba l’abbattimento dei 28mila visoni. Le immagini, riprese e diffuse dall’associazione Essere Animali, sono state realizzate con un drone e mostrano la raccolta degli animali abbattuti, che dopo essere stati uccisi in una camera a gas con monossido di carbonio, vengono ammassati in appositi container e poi inceneriti.

“Ci indigniamo per queste immagini che mostrano migliaia di corpi inermi, gettati come rifiuti, ma le uccisioni dei visoni avvenivano anche gli scorsi anni, con l’unica differenza che gli animali abbattuti quest’anno a Capralba, anziché diventare pellicce, saranno inceneriti per l’alto rischio di contagio del virus all’essere umano“, commenta Simone Montuschi, presidente di Essere Animali. “Negli altri 7 allevamenti ancora attivi in Italia proprio in questi giorni sta avvenendo la stessa mattanza e, poiché in quelle strutture non ci sono animali positivi, i visoni diventeranno pellicce o inserti per indumenti. Ecco ciò che dovrebbe veramente indignarci, l’uccisione crudele per futili motivi di esseri viventi, così come l’immobilismo del Governo, capace solo di emettere un’ordinanza che sospende gli allevamenti fino a febbraio 2021, una misura inutile di fronte a una questione così grave come il rischio di contagio di forme mutate del virus dagli animali all’essere umano.”

Infezioni da coronavirus con mutazioni legate al visone sono state rilevate in esseri umani in Olanda, Danimarca, Svizzera, Sud Africa, Russia, Stati Uniti e Isole Faroe, mentre visoni positivi al coronavirus sono stati rilevati in allevamenti situati in Olanda, Danimarca, Spagna, Stati Uniti, Svezia, Italia, Grecia, Francia, Polonia e Lituania.

9 foto Sfoglia la gallery

La campagna “Visoni liberi”

Essere Animali chiede da tempo un divieto di allevamento di animali da pelliccia, obiettivo della campagna Visoni Liberi. Attraverso tre video indagini l’organizzazione ha documentato più volte le condizioni dei visoni negli allevamenti italiani, filmando animali feriti, con comportamenti stereotipati e una gestione degli allevamenti che inevitabilmente agevola la diffusione del virus, essendo le gabbie disposte una a fianco all’altra, con i visoni rinchiusi a stretto contatto fra loro.

Diversi Paesi europei hanno già vietato gli allevamenti di visoni, l’ultimo in ordine di tempo l’Ungheria che, pur non avendo strutture attive, ha imposto un divieto per evitare che allevatori provenienti da nazioni che stanno vietando gli allevamenti possano insediarsi nel territorio magiaro. L’Italia è uno dei pochi Paesi, perlomeno all’interno dell’UE, che ancora li consente.

“Gli allevamenti di visoni sono crudeli verso gli animali e pericolosi per la salute pubblica, la produzione di pellicce doveva essere vietata già anni fa, d’altronde diverse proposte di Legge sul tema non sono mai state discusse. Ora non si perda altro tempo e si introduca subito un divieto nazionale di allevamento di animali da pelliccia”, conclude Montuschi.

(Foto e video: Essere Animali)

LEGGI ANCHE

Nas in pasticceria a Cremona: sequestrati 25 chili di prodotti alimentari scaduti

Covid, la Lombardia verso la zona gialla: ma quando? E cosa cambierà?

 

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli