Cremona

Tre arresti per il violino rubato (e ora restituito) al commercialista Serventi

Gli inquirenti a distanza di tre mesi dal furto sono riusciti a scovare tutti e tre i malviventi coinvolti nella rapina.

Tre arresti per il violino rubato (e ora restituito) al commercialista Serventi
Cronaca Cremona, 20 Maggio 2021 ore 10:11

Il 16 febbraio 2021 dallo studio del commercialista Massimo Serventi, situato in piazza Castello, era sparito un prezioso e pregiato violino dal valore ingente: a distanza di tre mesi sono scattate le manette per i presunti ladri.

Arrestate tre persone

Tre persone sono state arrestate con l'accusa di ricettazione e rapina aggravata dalla Squadra mobile di Cremona: secondo la ricostruzione di quanto successo il colpo si era trasformato da furto a rapina nel momento in cui il proprietario del prezioso strumento era stato spinto a terra dal ladro, sorpreso nel locale dopo essere riuscito ad entrare passando da una finestra.

Gli inquirenti sono riusciti a risalire all'identità del malvivente, Francesco di Roma di 49 anni, e ai suoi complici: il "palo" del colpo sarebbe il 21enne del Kosovo Liridon Fejza mentre Stefano Barca, 36enne cremonese, avrebbe acquistato lo strumento rubato per rivenderlo.

Il violino rubato

Il violino rubato fu realizzato dal liutaio di Crema Formaggia nel 1978: oltre ad avere un discreto valore economico, però, ha un particolare valore affettivo per i proprietari. Proprio seguendo le orme dello strumento il 6 marzo gli inquirenti avevano individuato Di Roma e Barca mentre tentavano di vendere lo strumento scottante.

Poi, due giorni fa, è scattato l'arresto del terzo complice, sorpreso nella sua abitazione, dove la Polizia ha trovato anche due sciabole e un fucile, su cui ora si stanno eseguendo accertamenti essendo possibili proventi di furto.

Il violino è stato infine restituito ai proprietari.