"Rimborsopoli"

Spese pazze al Pirellone: fra i condannati anche Nicole Minetti, il "Trota" e l'eurodeputato Angelo Ciocca

Condannati 52 su 57 ex assessori ed ex consiglieri di Regione Lombardia accusati di peculato, fra loro anche l'attuale capogruppo leghista Massimiliano Romeo.

Spese pazze al Pirellone: fra i condannati anche Nicole Minetti, il "Trota" e l'eurodeputato Angelo Ciocca
Cronaca 14 Luglio 2021 ore 13:18

Il Tribunale di Milano ha condannato 52 ex assessori su 57 di Regione Lombardia - con pene che vanno da un anno e 5 mesi fino a 4 anni e 8 mesi - nell'inchiesta conosciuta come "Rimborsopoli" nel cui mirino erano finite le spese pazze di un nutrito gruppo di politici all'ombra del Pirellone.

Spese pazze al Pirellone: "illustri" condanne

Come riporta prima Milano, è stato proprio il Pirellone, nel 2017 (i fatti in oggetto sono avvenuti tra il 2008 e il 2011) a entrare nel processo come parte civile, chiedendo danni per 3,4 milioni a 28 dei 57 imputati (molti della stessa parte politica della giunta lombarda) aggettivando come "offensive" le spese in questione.

E fra i nomi dei condannati emergono volti noti della politica, a partire dal "Trota", Renzo Bossi - figlio di Umberto - che ha rimediato una condanna a due anni e sei mesi. Un anno e 8 mesi anche per l'ex igienista dentale di Silvio Berlusconi Nicole Minetti. Condannato a un anno e 8 mesi anche Massimiliano Romeo, attuale capogruppo della Lega in Senato: a lui la procura ha contestato presunte spese indebite, fra cui spiccano molti pranzi e cene, per quasi 30mila euro. Anche un altro volto noto del Carroccio, l'attualmente eurodeputato Angelo Ciocca, ha preso un anno e 6 mesi. Per entrambi la pena è sospesa ed è stata decisa la non menzione. I giudici hanno dichiarato il non doversi procedere per prescrizione nei confronti dell'ex eurodeputato Stefano Maullu, ex Forzista attualmente fra le fila di FdI. La pena più alta di 4 anni e 8 mesi è stata per Stefano Galli, ex capogruppo della Lega in Regione.

Gli imputati appartengono a diversi partiti: oltre a quelli della maggioranza di centrodestra dell'epoca ci sono anche consiglieri dell'opposizione come Chiara Cremonesi e Luca Gaffuri.

Risarcimento a Regione

I giudici hanno sostanzialmente accolto la ricostruzione del pm Paolo Filippini, oltre alle pene accessorie di rito, hanno disposto confische e provvisionali di risarcimento a Regione Lombardia per centinaia di migliaia di euro. Fra le spese più inusuali degli imputati rientrano spazzolini, caramelle, salatini e...frigoriferi.