Smascherato truffatore telematico a Piadena: arrestato

Un uomo di 57 anni dovrà rispondere di tentata truffa aggravata in concorso.

Smascherato truffatore telematico a Piadena: arrestato
Cremona, 12 Novembre 2019 ore 13:12

Smascherato truffatore telematico a Piadena: arrestato un uomo di 57 anni che dovrà rispondere di tentata truffa aggravata in concorso.

Smascherato truffatore telematico a Piadena: arrestato

I Carabinieri della Stazione carabinieri di Piadena, nel pomeriggio di ieri, hanno tratto in arresto O.A.F., 57enne nigeriano residente a Piadena (CR), commerciante e pregiudicato, in esecuzione all’ordine di esecuzione per la carcerazione emessa dalla Procura della Repubblica di Pordenone – Ufficio Esecuzioni Penali, poiché ritenuto responsabile del reato di tentata truffa aggravata in concorso.

La truffa

Il cittadino nigeriano era stato condannato dal Tribunale di Pordenone per i predetti reati in quanto riconosciuto come uno degli autori di una tentata truffa ai danni di una ditta di Pordenone.

L’uomo concorreva nell’accesso abusivo alla casella di posta elettronica della società di Pordenone, attraverso l’ingresso illegale ai sistemi telematici, nel tentativo di fare accreditare un pagamento della somma di 125.000 euro destinato alla stessa, da parte di una società con sede a Dubai ad un conto corrente a lui intestato.

8 mesi di reclusione

Dall’emissione dell’ordine di esecuzione per la carcerazione, avvenuta nel mese di aprile, i Carabinieri di Piadena non hanno mai interrotto le ricerche, infatti l’uomo probabilmente a conoscenza del provvedimento di cattura, si era allontanato dal paese senza fare più ritorno, fino al pomeriggio di ieri quando i Carabinieri vedendolo a bordo di un’auto, lo hanno immediatamente fermato notificandogli l’ordine di carcerazione e accompagnandolo successivamente presso la Casa Circondariale di Cremona dove sconterà la pena di 8 mesi di reclusione.

TORNA ALLA HOME PER TUTTE LE ALTRE NOTIZIE

Top news regionali
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Curiosità
ANCI Lombardia