PANDINO

Ruba al supermercato e molesta le dipendenti, a una tocca le parti intime

Il 45enne è stato bloccato e arrestato: dovrà rispondere di violenza sessuale, atti persecutori e furti aggravati

Ruba al supermercato e molesta le dipendenti, a una tocca le parti intime
Pubblicato:
Aggiornato:

In più occasioni, avrebbe rubato in un supermercato, minacciando e molestando le dipendenti, a una di loro avrebbe anche toccato le parti intime: arrestato dai carabinieri un uomo di 45 anni.

Arrestato 45enne

I Carabinieri della Stazione di Pandino hanno arrestato un uomo di 45 anni, con precedenti penali e di polizia a carico, in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere per violenza sessuale, atti persecutori e furti aggravati.

Furti al supermercato

L’uomo, di recente, era stato denunciato dai Carabinieri per alcuni furti commessi in un supermercato di Pandino e, i successivi accertamenti, hanno permesso di verificare che le sue condotte erano diventate sempre più pericolose e ricorrenti, tenuto conto che, spesso, si era presentato nell’esercizio commerciale per minacciare e insultare le addette alle vendite, arrivando a toccare una di loro nelle parti intime.

Non era la prima volta

I militari di Pandino hanno ricostruito che l’uomo, sorpreso dalle addette alle vendite a rubare, le aveva affrontate e minacciate, urlando e creando scompiglio nel negozio, con conseguente intervento delle pattuglie dei Carabinieri. I militari hanno quindi potuto appurare che era successo anche nei mesi precedenti, a partire dal mese di febbraio, perché l’uomo, sempre in stato di ebbrezza alcolica, era solito stazionare fuori dall’esercizio commerciale, entrando spesso per sottrarre della merce, in genere alcolici.

Insulta e minaccia le dipendenti

E spesso si fermava anche oltre l’orario di chiusura del negozio, insultando e minacciando le dipendenti al termine dell’orario di lavoro, guardando quali auto possedessero e tenendo un atteggiamento prepotente e irrispettoso. Per tali motivi, le lavoratrici erano state costrette a non uscire più da sole dal punto vendita, ma si accompagnavano reciprocamente alle auto per evitare pericolosi avvicinamenti del 45enne.

Toccata nelle parti intime

Ma, oltre agli insulti, in più circostanze, aveva espresso nei loro confronti anche vari apprezzamenti inopportuni e fastidiosi oppure denigratori e sgradevoli. E una di loro ha riferito che una sera l’uomo, in maniera improvvisa e inaspettata, le era passato vicino e l’aveva toccata nelle parti intime mentre era intenta a fare le pulizie, per poi allontanarsi.

Portato in carcere

La situazione, sempre più insostenibile e preoccupante perché provocava insicurezza sul posto di lavoro delle vittime, era stata ben delineata dai Carabinieri di Pandino e riportata all’Autorità Giudiziaria che ha potuto valutare la gravità e la pericolosa ripetitività dei fatti.

Tenuto conto dei suoi precedenti penali e di polizia, il GIP del Tribunale di Cremona ha disposto la misura della custodia cautelare in carcere per l’uomo, ritenendola l’unica in grado di permettere alle persone offese di riprendere una vita normale e di bloccare l’escalation di condotte inappropriate. Quindi, nella serata di ieri, 29 maggio 2024, è stato rintracciato ed accompagnato presso la casa circondariale di Cremona.

(Foto di copertina: immagine di archivio)

Commenti
Lascia il tuo pensiero

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui nostri canali