Ricattato per mesi da una ragazza rumena conosciuta su internet

Gli chiedeva somme sempre più ingenti per tenere segreta la relazione.

Ricattato per mesi da una ragazza rumena conosciuta su internet
29 Marzo 2018 ore 13:10

Veniva ricattato da mesi dalla ragazza rumena che aveva conosciuto su un sito di incontri. Questa, la triste storia di un professionista Cremasco che da qualche settimana si ritrovava a versare somme sempre più ingenti a una donna conosciuta a ottobre 2017 su internet.

Ricatti sempre più alti

La ricattatrice, una ragazza rumena venticinquenne disoccupata e senza precedenti, minacciava l’uomo, un cremasco di mezza età, di rivelare dettagli della loro relazione. Con l’aumentare delle pretese economiche (un migliaio di euro estorto in poche settimane) si erano intensificate anche le intimidazioni. Stufo di subire pressioni, l’uomo si è rivolto alla Polizia e ieri è scattata l’operazione.

La trappola

La ragazza, che normalmente si recava sul posto di lavoro dell’uomo nel tardo pomeriggio, si è inaspettatamente presentata alle 16:30 ma gli uomini della polizia si sono fatti trovare pronti. Dopo aver stampato e consegnato all’uomo 150 euro, gli investigatori hanno filmato la consegna del denaro.
La donna è stata immediatamente arrestata e tradotta presso il carcere di Verziano in provincia di Brescia.

Denunciati i complici

Tuttavia, la ricattatrice non era sola. Gli inquirenti, consci dell’appoggio di alcuni complici, stavano monitorando il traffico circostante. Dopo aver pedinato un’auto sospetta, fermata in via Capergnanica, gli agenti hanno provveduto all’identificazione dei favoreggiatori. Una donna di 35 anni, un uomo di 20 e un minore sedicenne, tutti romeni e incensurati. Nell’auto é stato trovato anche un coltellino. Denunciati in stato di libertà, saranno i telefoni, sequestrati insieme all’arma bianca, a determinare il grado di complicità fra i tre fermati e l’autrice materiale dell’estorsione.

Top news regionali
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia