Cronaca
Arrestato

Per sfuggire al controllo sale sul cofano e sul tetto dell'auto dei Carabinieri danneggiandola

Seppur a fatica e cercando di schivare i calci e i pugni dell’uomo, i militari sono riusciti a bloccarlo.

Per sfuggire al controllo sale sul cofano e sul tetto dell'auto dei Carabinieri danneggiandola
Cronaca Cremona, 21 Settembre 2021 ore 14:42

Cremona: durante i controlli alla stazione ferroviaria i Carabinieri arrestano 31enne marocchino clandestino per resistenza.

Arrestato marocchino irregolare

Con l’inizio delle scuole e con la ripresa di molte attività lavorative, da circa una settimana, si sono intensificate le attività di vigilanza ed i controlli presso lo snodo ferroviario di Cremona e nelle zone limitrofe. Servizi coordinati tra Carabinieri e Polizia di Stato mirano a mantenere alto il livello di sicurezza per tutti i cittadini che ogni giorno frequentano la Stazione ferroviaria.

L’impegno profuso ha dato i suoi primi frutti nella mattinata di ieri con l’arresto di un cittadino marocchino, operato da una pattuglia dei Carabinieri della Sezione Radiomobile di Cremona, per resistenza a pubblico ufficiale e danneggiamento aggravato.

Sale sul cofano dell'auto dei Carabinieri

L’uomo, un 31enne senza fissa dimora ed irregolare sul territorio nazionale, al fine di sottrarsi alle conseguenze del controllo documentale in atto, balzava sul cofano dell’auto dei Carabinieri e da lì cercava di darsi alla fuga saltando sul tettuccio dell’auto, danneggiandola in più parti.

Bloccato

Seppur a fatica, e cercando di schivare i calci ed i pugni dell’uomo, i militari riuscivano a bloccarlo e trasportarlo presso la caserma Santa Lucia. Qui il marocchino è stato sottoposto a perquisizione e all’interno del suo zaino, rinvenuto un coltello multiuso tipo “svizzero” che i Carabinieri hanno posto sotto sequestro, poiché illegalmente detenuto.

Provvedimento di espulsione

Nel frattempo, le operazioni di identificazioni hanno permesso di appurare che l’uomo, oltre a possedere diversi “alias”, era anche destinatario di un provvedimento di espulsione emesso dalla Questura di Bergamo e mai ottemperato.

Ristretto nelle camere di sicurezza della caserma, l’arrestato è a disposizione dell’Autorità Giudiziaria, in attesa del rito per direttissima che si celebrerà nella giornata odierna.

La collaborazione tra Carabinieri e Polizia di Stato proseguirà anche nei prossimi giorni, garantendo costante vigilanza ed incisività nei controlli.