CICOGNOLO

Non si ferma all'alt e scatta l'inseguimento, poi lo schianto contro un muro

Uno degli occupanti è stato preso, mentre l'altro è riuscito a far perdere le sue tracce fuggendo nei campi

Non si ferma all'alt e scatta l'inseguimento, poi lo schianto contro un muro
Pubblicato:

I Carabinieri di Casalmaggiore intercettano un’auto che non si ferma all’alt e scatta l’inseguimento: dopo un incidente, un occupante scappa mentre l’altro viene bloccato e arrestato.

Arrestato 41enne

Operazione di controllo del territorio da parte dei Carabinieri dell’Aliquota Radiomobile di Casalmaggiore, conclusa con l’arresto per resistenza a pubblico ufficiale di un uomo di 41 anni, senza fissa dimora, pregiudicato, anche segnalato alla Prefettura perché assuntore di stupefacenti.

Non si ferma all'alt

Domenica 4 febbraio 2024, verso le 14.30, a Cicognolo, lungo la SP 10, i militari della Radiomobile di Casalmaggiore hanno notato un’auto con due persone a bordo che si muoveva nella loro stessa direzione. Hanno deciso di procedere al controllo e hanno affiancato l’auto, intimando all’autista di accostare e fermarsi, ma per tutta risposta il conducente ha accelerato nel tentativo di far perdere le proprie tracce.

Lo schianto contro un muro

Nel percorrere la SP 10, il conducente del veicolo inseguito, a forte velocità, nonostante il traffico sostenuto, ha più volte invaso la corsia opposta per sorpassare dei mezzi più lenti che potevano essere di ostacolo alla sua fuga, mettendo in serio pericolo gli altri utenti della strada.

Dopo avere attraversato Malagnino e Gadesco, sono giunti a Pieve San Giacomo e, arrivati presso un semaforo tra le vie Postumia e Matteotti di quest’ultimo paese, dopo avere sorpassato dei veicoli fermi al rosso, a causa della forte velocità, il conducente ha perso il controllo del veicolo in fuga che è andato a schiantarsi prima contro il muro di recinzione di una casa e, successivamente, contro il guard rail sulla corsia opposta, attraversando pericolosamente l’intera carreggiata.

Uno preso, l'altro fugge

L’auto dei militari era alle spalle dei fuggitivi e, a quel punto, i due occupanti del veicolo, ormai fermo per i danni subiti, hanno aperto le portiere e si sono lanciati giù dall’auto. I due hanno scavalcato la recinzione di un’abitazione e sono scappati verso i campi, inseguiti dai militari, ma sono riusciti a far perdere le proprie tracce. Sul posto sono arrivate altre pattuglie di rinforzo e, uno dei due, poi risultato il passeggero del mezzo in fuga, è stato intercettato e bloccato mentre, poco lontano, usciva da un canale di scolo.

Auto rubata

I militari lo hanno perquisito e nelle sue tasche hanno trovato un involucro contenente 2,5 grammi di hashish, posti sotto sequestro. I successivi accertamenti sull’auto hanno permesso di capire che non era rubata, ma intestata a persona residente in altra regione e sono in corso gli accertamenti per comprendere il motivo della pericolosissima fuga ad alta velocità.

Resistenza a pubblico ufficiale

All’interno del veicolo sono anche stati effettuati tutti gli accertamenti tecnici finalizzati ad acquisire il maggior numero di informazioni utili ad identificare il secondo uomo. Portato presso la caserma di Casalmaggiore, il 41enne è stato dichiarato in arresto per resistenza a pubblico ufficiale in concorso e trattenuto presso le camere di sicurezza in attesa della convalida dell’atto.

Commenti
Lascia il tuo pensiero

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui nostri canali