TRUFFA TELEFONICA

"Movimenti sospetti, il tuo conto è stato bloccato", soresinese truffato di 14mila euro

I Carabinieri della Stazione di Soresina hanno denunciato una ragazza di 26 anni ritenuta responsabile di appropriazione indebita

"Movimenti sospetti, il tuo conto è stato bloccato", soresinese truffato di 14mila euro
Pubblicato:
Aggiornato:

Un'attività di indagine ha portato i Carabinieri della Stazione di Soresina a denunciare una donna di 26 anni, residente in provincia di Napoli, per appropriazione indebita. L'ingegnoso stratagemma ha visto come vittima un uomo del posto truffato di ben 14mila euro.

(Immagine di copertina creata con AI)

Movimenti anomali sul conto

La vicenda ha avuto inizio quando l'uomo ha ricevuto un messaggio sul suo telefono cellulare, informandolo di un presunto blocco del suo conto corrente a causa di movimenti sospetti. Successivamente è stato contattato da un individuo che si è spacciato per un operatore bancario, che lo ha avvertito di un'imminente chiamata da parte del direttore della banca. Poco dopo, la vittima ha ricevuto la telefonata di un uomo che si è presentato come il direttore della sua banca, confermando l'esistenza di movimenti anomali sul suo conto.

Il bonifico di 14mila euro

La truffa ha raggiunto il suo apice quando un'altra persona, fingendosi un carabiniere, ha ordinato all'uomo di seguire le istruzioni del presunto direttore della banca. Quest'ultimo ha successivamente contattato la vittima, inducendola a effettuare un bonifico di 14mila euro a favore di un conto intestato alla 26enne.

Vittima di truffa

L'uomo ha iniziato ad avere dei sospetti quando gli è stato richiesto di effettuare un secondo bonifico. Ha quindi deciso di recarsi immediatamente in banca per verificare la situazione. È così emerso che era stato vittima di una truffa e ha prontamente presentato denuncia presso la caserma dei Carabinieri di Soresina.

Appropriazione indebita

Le indagini condotte dalle forze dell'ordine hanno rivelato che il conto corrente destinatario del bonifico apparteneva proprio alla donna di 26 anni, che è stata quindi denunciata all'autorità giudiziaria per appropriazione indebita.

Commenti
Lascia il tuo pensiero

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui nostri canali