LA REPLICA

Mobilità su ferro: Comune, Provincia e Camera di Commercio di Cremona insoddisfatti dalla risposta di FS

Per i rappresentanti dei tre Enti è indispensabile che la questione venga affrontata e risolta nel più breve tempo possibile.

Mobilità su ferro: Comune, Provincia e Camera di Commercio di Cremona insoddisfatti dalla risposta di FS
Cremona, 28 Maggio 2020 ore 13:01

Il Direttore Centrale Affari Istituzionali e Regolatori di Ferrovie delle Stato Italiane, Francesco Parlato, ha risposto alla sollecitazione che Comune, Camera di Commercio e Provincia di Cremona hanno avanzato nel mese di aprile per chiedere uniti e con forza una accelerazione dell’importante piano di investimenti nell’area di Cremona.

LEGGI ANCHE: Jennifer Aniston mette un like a Fedez…che inizia a “tormentare” Chiara Ferragni

Mobilità su ferro: le richieste del territorio

In particolare era stato chiesto di accelerare il raddoppio della linea Mantova-Cremona-Milano,  continuando il finanziamento ed iniziando l’opera anche per il tratto Piadena-Cremona-Codogno. Era stata evidenziata come altrettanto essenziale la riattivazione del trasporto, anche passeggeri, sulla Cremona-Piacenza. E ancora, ugualmente urgente, la richiesta di inserire nella programmazione a breve termine gli interventi necessari di ammodernamento delle linee Cremona-Brescia / Crema-Treviglio-Milano / Cremona-Olmeneta.

LEGGI ANCHE: Niente più pazienti Covid in terapia intensiva: l’ospedale di Cremona torna alla normalità

Replica del Gruppo FS

Il Gruppo FS, consapevole che le aree richiamate costituiscano da sempre uno degli epicentri del sistema produttivo del Paese e che le stesse siano state duramente colpite dall’epidemia e dalla sue conseguenze sull’economia locale, nella risposta inviata ha confermato l’ultimazione della progettazione definitiva del raddoppio della tratta Piadena – Mantova di 34 km e l’avvio dell’iter autorizzativo per l’approvazione del progetto da parte degli Enti preposti.

“Secondo l’attuale tempistica”, prosegue la nota, “si apre ora la fase relativa all’affidamento dei lavori che si prevede possa concludersi entro settembre 2021, così da poter giungere all’attivazione del nuovo tratto di linea (con la soppressione di tutti i passaggi a livello) entro il primo semestre 2025. Quanto al raddoppio della tratta Codogno-Piadena di 50 km l’avvio della progettazione definitiva, anche grazie ad iniziative di accelerazione che verranno poste in essere, è prevista entro il corrente anno. L’opera, che presenta un costo stimato di oltre 800 milioni di euro”, precisa FS, “deve essere tuttavia ancora programmata all’interno del Contratto di Programma – Parte Investimenti con la condivisione del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti”. 

LEGGI ANCHE: Coronavirus: ultimi aggiornanti dalla Regione: a Cremona e provincia 6.416 positivi (+16)

La replica delle istituzioni cremonesi

I tempi previsti per la realizzazione sono ancora lunghi e incerti. Ricordiamo a questo proposito le numerose sollecitazioni di tutto il territorio e il recente question time dei deputati Luciano Pizzetti, Davide Gariglio e Matteo Colaninno, nel quale è stato chiesto al Ministero delle Infrastrutture e Trasporti una conferma e un’accelerazione e un’anticipazione dell’avvio del tratto Codogno-Piadena e la valutazione della nomina di un Commissario straordinario per la sua realizzazione

dichiarano il Sindaco Gianluca Galimberti, il Presidente della Provincia Mirko Signoroni e Giandomenico Auricchio, Presidente della Camera di Commercio di Cremona. 

Riteniamo infatti indispensabile che la questione venga affrontata e risolta nel più breve tempo possibile per avere questa infrastruttura indispensabile per il territorio. Purtroppo la nota del Direttore Francesco Parlato non ci ha fornito alcuna risposta in merito agli altri quesiti che avevamo posto relativamente alle altre linee”, aggiungono i rappresentanti dei tre Enti che avevano allora sottoscritto la lettera inviata al Gruppo FS. 

TORNA ALLA HOME

Turismo 2020
Top news regionali
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia