Cronaca
Offanengo

Mette in atto la "truffa dello specchietto" ma viene immortalato dalle telecamere

Una volta rintracciato, il 39enne, è stato denunciato

Mette in atto la "truffa dello specchietto" ma viene immortalato dalle telecamere
Offanengo Pubblicazione:

Offanengo: i Carabinieri di Romanengo hanno denunciato un uomo responsabile della “truffa dello specchietto”.

Denunciato 39enne

I Carabinieri della Stazione di Romanengo, al termine di un’accurata attività di indagine durata alcuni mesi, hanno identificato e denunciato per tentata truffa e danneggiamento un cittadino italiano di 39 anni, residente in provincia di Siracusa, con numerosi precedenti di polizia a carico anche per reati della stessa indole.

Truffa dello specchietto

A metà dello scorso mese di aprile i militari di Romanengo avevano ricevuto la denuncia di un uomo del posto che ha raccontato che quella stessa mattina, verso le 10.30, mentre si trovava in una delle vie del centro cittadino di Offanengo, ha sentito un forte rumore di impatto sullo specchietto del lato destro della sua auto. Ma ha proseguito la marcia non notando nulla di anomalo, arrivando in un’altra via dove è stato raggiunto da un veicolo.

Quando è stato affiancato dall’altra auto, ha notato che a bordo era presente il solo conducente che lamentava una collisione con il suo mezzo e che sarebbe stato urtato mentre era in sosta nella via percorsa in precedenza dalla vittima.

Il 39enne invitava la vittima a constatare assieme i vari danni in una piazza limitrofa, ma la vittima era certa che non fosse capitato nulla e che non ci fosse stato alcun contatto con un’altra auto e, sapendo di non avere avuto alcun incidente, ha proseguito la sua marcia non andando nel luogo indicatogli.

Il conducente dell’altro veicolo si è quindi allontanato dal posto prendendo un’altra direzione. Gli accertamenti successivi hanno permesso di verificare che lo specchietto della vittima risultava ammaccato, ma in realtà non era avvenuto nessun urto, quindi il conducente dell’altro veicolo aveva simulato una “truffa dello specchietto”.

Le immagini di videosorveglianza

Dopo la presentazione della denuncia hanno avuto inizio gli accertamenti dei carabinieri di Romanengo che, partendo dalle vie percorse dalle auto della vittima e del presunto autore del fatto, hanno acquisito le immagini registrate dalle numerose telecamere di sorveglianza pubbliche presenti in paese e hanno verificato che, in effetti, era stata rilevata un’auto esattamente corrispondente a quella descritta dalla vittima e, per tale motivo, è stato possibile rilevarne in numero di targa.

I militari hanno quindi effettuato gli accertamenti sul mezzo e hanno individuato il proprietario del mezzo, ovvero una donna. Ma i militari sono riusciti a risalire al reale utilizzatore del mezzo, ovvero il 39enne, fermato più volte e in diverse località alla guida del veicolo, persona già segnalata più volte per avere commesso o tentato di commettere la truffa dello specchietto.

Truffatore riconosciuto dalla vittima

I militari quindi hanno acquisito la sua foto e hanno preparato un fascicolo fotografico da mostrare alla vittima che, senza alcun dubbio, ha riconosciuto proprio il 39enne come l’uomo che aveva simulato il sinistro stradale. Per questo motivo è stato denunciato all’autorità giudiziaria per tentata truffa e danneggiamento.

Seguici sui nostri canali