CREMONA

Invaghito della ex dipendente la chiama e la insegue di continuo: divieto di avvicinamento

Continue molestie telefoniche, ingiurie, minacce, pedinamenti e appostamenti

Invaghito della ex dipendente la chiama e la insegue di continuo: divieto di avvicinamento
Pubblicato:

Perseguita una conoscente: i Carabinieri di Cremona eseguono una misura cautelare del divieto di avvicinamento alla vittima e ai suoi familiari e amiche nei confronti di un uomo.

Atti persecutori

La mattina di lunedì 13 maggio 2024, i Carabinieri della Stazione di Cremona hanno sottoposto un uomo alla misura cautelare del divieto di avvicinamento emessa dal Tribunale per tutelare una donna, conoscente dell’uomo e che per diverso tempo ha subito atti persecutori, nonché i suoi familiari e le sue amiche.

Il provvedimento cautelare è stato emesso a seguito dei fatti denunciati ai Carabinieri nell’aprile scorso, a seguito delle continue molestie subite per diverso tempo. E la donna, vittima di continue persecuzioni, ha deciso di raccontare tutto ai militari, ripercorrendo quanto stava accadendo a lei e alle persone a lei vicine.

La donna ha infatti riferito di avere conosciuto l’uomo due anni e mezzo fa e di avere lavorato per lui per alcuni mesi ma poi, per questioni legate al fatto che non era stata assunta con regolare contratto, aveva deciso di lasciare il lavoro. Dopo molti mesi era stata ricontattata dall’uomo che voleva rivederla perché si era invaghito di lei.

Insulti e pedinamenti

La donna, vista la notevole differenza di età, non ha ritenuto serie tali affermazioni e non voleva intrattenere con lui una relazione sentimentale. Ma l’uomo diceva di essere malato e lei ha deciso di mantenere con l’uomo un rapporto di amicizia, spiegando però che tra loro non ci sarebbe stato altro. Ma nonostante questo l’uomo, mosso da gelosia ossessiva, quando la donna non rispondeva al telefono o non si faceva trovare, la insultava, andava sotto casa sua per verificare di persona cosa facesse e la seguiva nei suoi spostamenti.

La donna ha quindi deciso di chiudere qualsiasi rapporto con lui, ma lui non si è dato per vinto e ha contattato le sue amiche, proponendo di pagarle se avessero fornito delle notizie su di lei, ovvero frequentazioni e altro, e che se non avessero accettato la proposta avrebbero subito delle ritorsioni. Recentemente era arrivato anche a chiamare la vittima decine di volte al giorno. Tali atteggiamenti hanno procurato nei confronti della donna uno stato di ansia e paura e, per tale motivo, dopo la denuncia, i Carabinieri hanno avviato le indagini, trovando riscontro a quanto da lei riferito.

Divieto di avvicinamento

Tenuto conto delle continue molestie telefoniche, ingiurie, minacce, pedinamenti e appostamenti, tutti comportamenti che si ripetevano con elevata frequenza, l’autorità giudiziaria ha emesso il provvedimento a tutela dell’incolumità della donna e anche delle sue amiche e dei suoi familiari, imponendo all’uomo di non avvicinarsi ai luoghi frequentati da loro e di non comunicare con loro in nessun modo, applicando anche la misura della presentazione quotidiana ai Carabinieri, in modo che il controllo nei sui confronti fosse più efficace. Il provvedimento è stato subito notificato dai Carabinieri della Stazione didi Cremona.

Commenti
Lascia il tuo pensiero

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui nostri canali