Olio bollente in faccia, muore giardiniere di Rivolta FOTO

L'esplosione del tubo idraulico di una pinza non gli ha lasciato scampo, inutili i soccorsi.

Olio bollente in faccia, muore giardiniere di Rivolta FOTO
Crema, 26 Agosto 2019 ore 12:31

Un tragico incidente nella tarda mattinata di oggi, lunedì 26 agosto 2019, in cui è morto un giardiniere di Rivolta d’Adda da poco in pensione.

Olio bollente in faccia, muore giardiniere di Rivolta FOTO

Morto un giardiniere di Rivolta

Enrico Ripamonti

Era da poco andato in pensione Enrico Ripamonti, 68 anni, dopo una vita passata a prendersi cura di piante e giardini. Questa mattina, intorno alle 11, aveva deciso di andare a ripulire uno dei suoi poderi nella zona del cimitero.

Mentre stava lavorando con il ragno per raccogliere delle fascine di legna uno dei tubi idraulici della pinza gli è letteralmente esploso davanti, schizzandogli una grossa quantità di olio bollente sul viso e sul collo.

Inutili i soccorsi

Sul posto si sono precipitati i soccorritori della Croce Bianca di Rivolta in codice rosso che hanno tentato in tutti i modi di rianimare l’uomo. Ma per lui non c’è stato nulla da fare. Enrico Ripamonti si è spento dopo pochi minuti. Sul posto anche i carabinieri di Rivolta e il sindaco Fabio Calvi, ma anche tanti rivoltani accorsi sul posto appena saputa la notizia.

Il ricordo

Tra i tanti astanti moltissimi che conoscevano personalmente l’uomo.

“Ho lavorato con lui dai 15 ai 22 anni – racconta un giovane giardiniere – era una vera e propria macchina da lavoro, non si riposava mai. Da lui ho imparato tutto quello che so. Oltre al rapporto professionale c’è sempre stata molta stima. Era una persona molto socievole, aperta e disponibile con tutti”.

2 foto Sfoglia la gallery

 

LEGGI ANCHE>> E’ morto a 103 anni don Bernardo Fusar Poli parroco emerito di Bagnolo

TORNA ALLA HOME PER TUTTE LE ALTRE NOTIZIE

Dai una mano a
Da settimane, i giornalisti del tuo quotidiano online lavorano, senza sosta e con grande difficoltà, per garantirti un'informazione precisa e puntuale dal tuo territorio, sull’emergenza Coronavirus. Tutto questo avviene gratuitamente.
Adesso, abbiamo bisogno del tuo sostegno. Con un piccolo contributo volontario, puoi aiutare le redazioni impegnate a fornirti un'informazione di qualità. Grazie.

Scegli il tuo contributo:
Top news regionali
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
ANCI Lombardia