Bagnolo cremasco

False dichiarazioni per ottenere il reddito di cittadinanza, nei guai 6 “furbetti”

L'indagine dei Carabinieri ha portato a denunciarli per truffa aggravata.

False dichiarazioni per ottenere il reddito di cittadinanza, nei guai 6 “furbetti”
Cronaca Crema, 09 Febbraio 2021 ore 12:18

Furbetti del reddito di cittadinanza, 6 denunce dei Carabinieri di Bagnolo Cremasco.

Scoperti 6 furbetti del reddito di cittadinanza

I militari della Stazione Carabinieri di Bagnolo Cremasco hanno effettuato una articolata attività di controllo su alcuni soggetti che percepiscono il reddito di cittadinanza, scoprendo che per ricevere il beneficio economico avevano reso false informazioni relative alla composizione del proprio nucleo familiare e fornito attestazioni mendaci utili per la concessione.
Sono sei le persone denunciate per truffa aggravata per il conseguimento delle erogazioni pubbliche e per mancanza dei requisiti per reddito di cittadinanza e l’erogazione del reddito è stata sospesa.
Due cittadine rumene, entrambi residenti a Bagnolo Cremasco, dal mese di agosto 2020 hanno percepito indebitamente rispettivamente 492,50 € e 269,87 € mensili di reddito di cittadinanza, avendo falsamente dichiarato essere residenti singolarmente in due diverse abitazioni di Crema, mentre gli accertamenti dei Carabinieri hanno permesso di accertare che le donne convivono con altri familiari titolari di reddito.

Tutti denunciati per truffa aggravata

Una terza donna romena perché dal mese di agosto 2020 percepiva indebitamente 500 € mensili di reddito di cittadinanza, avendo falsamente dichiarato di essere residente nel Comune di Chieve. Anche in questa occasione i risultati delle indagini hanno acclarato la falsità delle dichiarazioni rese per la concessione del reddito di cittadinanza, infatti la donna non risiede, nè ha mai risieduto in questa Provincia.

Originario di Foggia dichiara di vivere a Bagnolo Cremasco

Un cittadino italiano, originario della Provincia di Foggia ha percepito dal mese di aprile 2019, 130 € mensili di reddito di cittadinanza avendo dichiarato di essere residente a Bagnolo Cremasco mentre I Carabinieri hanno appurato che lo stesso era stato cancellato per “irreperibilità” sin dal 2011.

False dichiarazioni

Un’italiana, nata in provincia di Milano, residente a Bagnolo Cremasco ha perceito indebitamente dall’aprile 2020, 500 €. In questo caso I Carabinieri hanno accertato che la donna convive con persone che usufruiscono di un reddito, a differenza di quanto da lei dichiarato.
Una cittadina di origine egiziana dal mese di maggio 2020 percepiva indebitamente euro 971,06 mensili di reddito di cittadinanza; le verifiche, in questo caso eseguite dalla Stazione di Bagnolo Cremasco con l’ausilio del Nucleo Carabinieri Ispettorato del Lavoro, hanno acclarato che la donna lavora, abusivamente, il marito nell’attività di commerciante di frutta e verdura con negozi a Bagnolo Cremasco e Vaiano Cremasco.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli