Via Gramsci

Crema, ascensore ex Asl vietato ai disabili: “Indispensabile un intervento”

Le dimensioni dell'ascensore non sono adatte ad ospitare sedie a rotelle, ma anche passeggini e carrozzine.

Crema, ascensore ex Asl vietato ai disabili: “Indispensabile un intervento”
Crema, 01 Settembre 2020 ore 15:37

Crema, ascensore nell’ex Asl vietato ai disabili. Codacons: “La situazione è sotto gli occhi di tutti! Le dimensioni dell’ascensore non sono adatte ad ospitare carrozzine. E’ una barriera insormontabile per i disabili”.

Crema, ascensore ex Asl vietato ai disabili

Sono ormai anni che si susseguono le segnalazioni, ma tutto, nella palazzina ex Asl di via Gramsci, rimane tale e quale. L’ascensore infatti è troppo stretto e non consente il passaggio con la sedia a rotelle né con le carrozzine da parte delle mamme che spesso giungono sul posto per effettuare la scelta del pediatra in un ufficio sito al primo piano.

“Indispensabile un intervento”

“Il Codacons si batte da anni per l’abolizione delle barriere architettoniche e questo caso è stato più volte denunciato. L’ascensore così com’è oggi si trasforma in una barriera insormontabile per le persone affette da disabilità oltre a costituire un grave disagio per chiunque debba recarsi agli uffici dei piani superiori. E’ il caso delle mamme costrette a lasciare le carrozzine a piano terra e salire le scale a piedi con i bambini in braccio. Per i disabili, invece, la dimensioni dell’ascensore si trasformano in un ostacolo insuperabile. Occorre intervenire quanto prima con un progetto che modifichi la struttura. Oggi diffideremo ASST a mettere in atto tutte le determinazioni necessarie per eliminare questa barriera architettonica. Per informazioni, segnalazioni e per ottenere assistenza legale giudiziale e stragiudiziale ricordiamo che è possibile contattare il Codacons all’indirizzo codacons.cremona@gmail.com oppure al recapito 347.9619322”

TORNA ALLA HOME

Turismo 2020
Top news regionali
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia