Menu
Cerca
Coronavirus

Covid, varianti e zone rosse provinciali: Cremona (al momento) sotto la soglia critica

L’incidenza nella provincia di Cremona è pari a 93 casi ogni 100.000 abitanti in 7 giorni, a fronte di una soglia regionale pari a 154.

Covid, varianti e zone rosse provinciali: Cremona (al momento) sotto la soglia critica
Cronaca Cremona, 16 Febbraio 2021 ore 10:16

Covid, varianti e zone rosse provinciali: Cremona (al momento) si trova sotto la soglia critica. E’ quanto emerge dall’analisi effettuata dal dottor Paolo Spada, medico dell’ospedale Humanitas di Milano. Come abbiamo già evidenziato in passato il dottor Spada, chirurgo vascolare,  presidente di EVARplanning, startup innovativa vincitrice del premio BioUpper per le idee imprenditoriali nelle scienze della vita. è un esperto di algoritmi applicati alla medicina e ’dall’inizio  dell’emergenza sanitaria pubblica quotidianamente  report sui dati  del  contagio nella rubrica Pillole di Ottimismo.

Covid, varianti e zone rosse provinciali: Cremona (al momento) sotto la soglia critica

Una rubrica che analizza la situazione non solo dal punto di vista regionale, ma anche da quello provinciale. Ebbene, secondo i dati aggiornati a ieri, lunedì 15 febbraio 2021, la nostra provincia al momento risulta sotto la cosiddetta soglia critica fissata per la Regione Lombardia. Il suo modello (la fonte dati  per quanto riguarda l’incidenza è il Ministero della Salute mentre quella sulla disponibilità dei  posti letto è AGENAS)  si basa sulla incidenza del contagio da Coronavirus sul numero di abitanti, rapportato alla capacità ospedaliera della singola Regione. 

Secondo i dati elaborati nel grafico, l’incidenza nella provincia di Pavia sarebbe pari a 93 casi ogni 100.000 abitanti in 7 giorni, a fronte di una soglia regionale pari a 154.

“In questa slide è proposto un modello di definizione delle zone rosse alternativo a quello su base regionale, basato sul valore di incidenza provinciale (casi ogni 100.000 abitanti in 7 giorni), disponibile ogni giorno nel report del Ministero, sin dall’inizio della pandemia. L’intento è di adattare maggiormente la misura alla reale necessità del territorio, evitando di penalizzare aree virtuose all’interno delle Regioni, e valorizzando il senso di responsabilità del cittadino. Al di fuori delle aree rosse, è ipotizzabile la riapertura delle attività, sostituendo il contingentamento alla chiusura. La soglia di incidenza è variabile, su base regionale, calcolata in base alla disponibilità di posti letto liberi, intesi come posti NON occupati da pazienti Covid, in base alla popolazione”

La situazione in Lombardia

Al momento nella nostra regione l’unica zona “rossa” riguarda la provincia di Brescia con una incidenza di 267 casi ogni 100.000 abitanti in 7 giorni.

L’andamento a Cremona negli ultimi 30 giorni

La variazione negli ultimi 7 giorni