Come comportarsi

Covid e scuola: tamponi senza prenotazione per studenti e personale scolastico

Basterà avvisare medico o pediatra e portare autocertificazione e tessera sanitaria.

Covid e scuola: tamponi senza prenotazione per studenti e personale scolastico
Cremona, 18 Settembre 2020 ore 08:57

Covid e scuola: tamponi senza prenotazione per studenti e personale scolastico. Di seguito come accedere.

Covid e scuola

La prima campanella è finalmente suonata e già si contano le prime assenze tra i banchi di scuola e negli asili. Un raffreddore, qualche linea di febbre e il dubbio sorge spontaneo: sarà Covid-19? Cosa devo fare? Cerchiamo allora di fare un po’ di chiarezza anche grazie alla pubblicazione del documento di Regione Lombardia sulla gestione di casi e focolai all’interno della scuole e dei servizi per l’infanzia.

L’esame del tampone

Il banco di prova c’è ed è uno di quegli esami che non si possono sbagliare. Per evitare che si creino focolai all’interno delle scuole sarà, quindi, necessario essere tempestivi nel sottoporre la persona, minore o meno a tampone naso-faringeo per confermare la diagnosi di Covid-19. Solo in caso di accertato positivo Covid-19 si potrà determinare la disposizione di isolamento domiciliare fiduciario dei contatti stretti.

Come fare allora per evitare che la diffusione di sindromi influenzali o parainfluenzali nei prossimi mesi mandi in tilt il sistema? Il primo passo è quello di una semplificazione e accelerazione del processo di identificazione dei casi positivi all’interno della comunità scolastica.

Una corsia preferenziale, chiamiamola così, dedicata ai bambini e ai ragazzi oltre che a tutto il personale scolastico per intervenire velocemente ed evitare il propagarsi del contagio.

Senza prenotazione a studenti e personale scolastico

Il Coordinamento Rete Territoriale ATS/ASST ha stabilito di concedere l’accesso senza prenotazione e con autocertificazione della motivazione, eventualmente anche individuando percorsi dedicati alla scuola (ove possibile i drive-in sono efficaci sia in relazione alla
capacità produttiva che alla necessità di evitare gli assembramenti in luoghi sanitari) per:

La motivazione per l’accesso senza prenotazione ai punti tampone ricomprende la rilevazione di sintomi a scuola oppure rilevazione di sintomi fuori dall’ambiente scolastico a seguito di indicazione del medico di medicina generale o del pediatra di libera scelta.

Dove effettuare il test senza appuntamento

L’ATS della Val Padana ha organizzato, insieme alle ASST del territorio, le modalità per l’esecuzione del tampone agli studenti e al personale docente e non docente che presenteranno sintomi durante l’orario scolastico o al domicilio, come previsto dalle indicazioni regionali in merito all’avvio delle attività scolastiche e dei servizi educativi dell’infanzia e alla gestione dei casi COVID-19.

Il servizio è attivo dal lunedì al sabato presso le seguenti sedi, senza prenotazione, ma muniti di autocertificazione, scaricabile sul sito www.ats-valpadana.it (sezione Coronavirus>Scuole) e previo contatto con il proprio pediatra o medico curante:

ASST di Cremona

  • Cremona – V.le Concordia, 1 – palazzina n. 8
    dal lunedì al venerdì, dalle ore 8:00 alle ore 13:00
    sabato dalle ore 08:30 alle ore 10:00
  • Oglio Po – Via Staffolo, 51 frazione di Vicomoscano
    dal lunedì al venerdì, dalle ore 8:00 alle ore 12:00
    sabato, dalle ore 8:30 alle ore 10:00

ASST di Mantova

  • Mantova – Str. Lago Paiolo, 10 Tensostruttura davanti al PS
    Dal lunedì al sabato, dalle ore 9:30 alle ore 12:30
  • Asola – Via Vicolo chiuso
    Dal lunedì al sabato, dalle ore 9:30 alle ore 11:30
  • Viadana – Via Learco Guerra
    dal lunedì al sabato, dalle ore 9:30 alle ore 11:30
  • Pieve di Coriano – Via Bugatte, 1 Borgo Mantovano
    dal lunedì al sabato, dalle ore 9:30 alle ore 11:30

ASST di Crema

  • Crema – L.go Dossena, 2 – Centro Prelievi
    dal lunedì al venerdì, dalle ore 9:00 alle ore 12:30
    sabato, dalle ore 8:30 alle ore 11:00

Esito in 48 ore sul Fascicolo sanitario

In fase di accesso vengono registrati i dati anagrafici della persona da testare (nome, cognome, data di nascita e Codice Fiscale) e il numero di telefono a cui fare riferimento. I punti tampone dovranno garantire ogni giorno l’invio prioritariamente entro le 14 dei campioni acquisiti nella mattina e i laboratori dovranno processarli e caricarne gli esiti sul flusso tamponi entro le 23 caricando gli esiti esclusivamente sul Fascicolo Sanitario Elettronico. Inoltre, tutti i punti dovranno accogliere le richieste di effettuazione tampone con accesso senza prenotazione e con autocertificazione.

Sarà però obbligatorio contattare il proprio medico curante o il pediatra prima di presentarsi all’esame e portare con sé l’autodichiarazione compilata e la tessera sanitaria.

I sintomi a scuola

L’iter da seguire sarà il medesimo per tutti, alunni, studenti maggiorenni e personale scolastico. In caso di insorgenza di sintomi simil-covid a scuola i genitori verranno avvisati e dovranno prelevare il figlio per accompagnarlo poi al punto tampone allertando il proprio pediatra (per il personale scolastico sarà il medico di base a indicare eventualmente la necessità di un tampone).

Se i sintomi, invece, dovessero insorgere a casa, i genitori dovranno allertare il proprio pediatra e in caso di indicazione del medico presentarsi al punto tamponi con autodichiarazione. I figli maggiorenni potranno recarsi autonomamente al punto tamponi sempre dietro indicazione del proprio medico curante.

Chi sono i contatti stretti?

E in caso di positività? Saranno da considerarsi contatti stretti tutti i compagni di classe (presenti nelle 48 ore precedenti) e verranno quindi posti in isolamento domiciliare fiduciario. Per riammettere i bambini in comunità sarà necessario testare tutti i contatti stretti (sia sintomatici che asintomatici) almeno una volta entro la fine della quarantena. 

Quanto e come si può rientrare a scuola?

Il bambino, o comunque il soggetto, sintomatico negativo al tampone dovrà comunque restare a casa fino a completa guarigione e sottoporsi a un secondo tampone su discrezione del medico o del pediatra.

Il bambino, o comunque il soggetto, sintomatico e positivo al tampone potrà essere riammesso solo dopo una quarantena di almeno 14 giorni, con guarigione completa e due tamponi negativi a distanza di 24/48 ore uno dall’altro).

Il contatto stretto di un positivo potrà rientrare in collettività al termine dell’isolamento fiduciario e dopo tampone negativo.

In caso di sintomatologia non riconducibile al Covid si valuterà il rientro in collettività in base all’evoluzione del quadro clinico e non sarà richiesta alcune certificazione medica per il rientro.

Smartworking e congedo parentale

Accadrà, questo è un dato di fatto, che nelle aule delle nostre scuole e negli asili si verifichino casi di positività. Cosa faranno quindi i genitori costretti a casa dal lavoro perché i figli risultano contatti stretti di un positivo? La normativa prevede lo smartworking per tutta la durata della quarantena laddove l’occupazione lo consenta. Per i lavori che non possono essere svolti da remoto resta in vigore il congedo parentale (al 50 per centro della retribuzione).

TORNA ALLA HOME

Top news regionali
Turismo 2020
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia