CREMA

"Ciao papà, questo è il mio nuovo numero", ma si tratta di una truffa

L'uomo è stato indotto ad effettuare un bonifico di 2.500 euro, fortunatamente il truffatore non è riuscito a farla franca

"Ciao papà, questo è il mio nuovo numero", ma si tratta di una truffa
Pubblicato:

Al termine di un’attività di indagine, i Carabinieri di Crema hanno denunciato un uomo ritenuto responsabile di truffa e sostituzione di persona.

Denunciato 35enne

I Carabinieri della Stazione di Crema hanno denunciato per truffa e sostituzione di persona un uomo di 35 anni, residente in provincia di Salerno.

La truffa

L’indagine ha preso avvio a seguito della querela sporta a fine marzo scorso da un uomo del posto che, presentatosi in caserma, ha riferito che, quello stesso giorno, aveva ricevuto un messaggio da un numero sconosciuto. Con quel numero, una persona, spacciandosi per sua figlia, ha scritto che il suo telefono si era rotto e che quello era il suo nuovo numero di telefono.

L’uomo ha iniziato a scambiare messaggi con quella che credeva essere sua figlia, che ha chiesto alla vittima di pagare una fattura che doveva saldare, promettendo di restituire il giorno successivo la somma che avrebbe anticipato. L’uomo ha acconsentito e, ricevute le coordinate bancarie di una carta da ricaricare, si è recato presso la sua banca e ha effettuato un bonifico di 2.500 euro. Poi ha inoltrato la foto della ricevuta di pagamento al numero di telefono che lo aveva contattato.

Truffatore identificato

Infine, l’uomo era andato a casa della figlia a portare l’originale della ricevuta e, in quel frangente, ha scoperto di essere stato raggirato. Ha presentato subito la querela ai Carabinieri che hanno iniziato gli accertamenti e, le conseguenti verifiche svolte sulla carta e sull’Iban collegato, a favore del quale è stato effettuato il pagamento, hanno permesso di identificare il 35enne come l’uomo che aveva attivato quella carta che risulta ancora attiva. Per questo motivo l’uomo è stato denunciato per truffa e sostituzione di persona

Commenti
Lascia il tuo pensiero

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui nostri canali