Cronaca
Cingia de' Botti

Botte e minacce ai genitori per avere i soldi per la droga: arrestato 32enne

All’ennesima denuncia dei genitori per la violenza e le minacce subite il ragazzo è finito in carcere.

Botte e minacce ai genitori per avere i soldi per la droga: arrestato 32enne
Cronaca Cremona, 11 Novembre 2021 ore 11:37

Cingia de' Botti: botte e minacce ai genitori per avere i soldi per la droga. I Carabinieri di Scandolara Ravara arrestano un 32enne.

Botte e minacce ai genitori per avere i soldi per la droga: arrestato

Ha minacciato e percosso la madre e il padre per estorcere loro del denaro che sarebbe servito per acquistare della droga.

La mattina del 9 novembre i Carabinieri della Stazione di Scandolara Ravara sono intervenuti a Cingia dè Botti per una violenta lite familiare e hanno bloccato e arrestato per estorsione un 32enne, pluripregiudicato anche per reati specifici e con problemi di tossicodipendenza.

Denunce per maltrattamenti, minacce ed estorsione

L’arresto è avvenuto al termine dell’ennesimo intervento svolto dai militari di Scandolara Ravara presso l’abitazione dei coniugi che già in passato avevano avuto bisogno delle forze dell’ordine per tenere a bada il figlio violento. Infatti, i genitori dell’uomo negli ultimi due anni avevano già presentato alcune denunce per maltrattamenti, minacce ed estorsione a causa dei comportamenti violenti del figlio che quando aveva necessità di denaro per acquistare lo stupefacente diventava molto aggressivo nei loro confronti.

La pattuglia, chiamata dalla madre del 32enne, è arrivata nell’abitazione proprio nel momento in cui il figlio stava minacciando di morte la donna, interrompendo di fatto la sua azione. Bloccato l’uomo, i Carabinieri hanno accertato che quella mattina i coniugi avevano scoperto che il figlio aveva fatto entrare in casa la sua fidanzata, che ritengono persona non gradita.

Il padre aggredito anche dalla fidanzata del figlio

Il figlio è quindi intervenuto a difesa della fidanzata, minacciando la madre, mentre il padre è salito in auto per allontanarsi dall’abitazione perché ormai esasperato dalla situazione che va avanti da quasi cinque anni. In quel momento il figlio è saltato sul cofano del veicolo colpendolo con pugni per impedire al padre di allontanarsi, chiedendogli anche i soldi per acquistare la droga e di accompagnare lui e la fidanzata a Cremona a comprare lo stupefacente.

La fidanzata invece è entrata nell’abitacolo e ha aggredito l’anziano, ma in quel momento è intervenuta la madre del 32enne per allontanare la ragazza. L’anziana donna è stata raggiunta e afferrata dal figlio e colpita con una testata e, a quel punto, ha deciso che era arrivato il momento di chiedere l’intervento delle forze dell’ordine. Intanto il padre ha consegnato al figlio una banconota da 50 euro per calmarlo e convincerlo a interrompere la sua azione aggressiva.

All’arrivo dei Carabinieri il 32enne, non ancora soddisfatto, stava minacciando i genitori mentre la fidanzata era già scappata. Bloccato dai militari è stato perquisito ed è stato trovato in possesso della banconota da 50 euro ricevuta dal padre.

Portato in carcere

I Carabinieri di Scandolara hanno quindi acquisito l’ennesima denuncia dei genitori per la violenza e le minacce subite e hanno restituito i soldi agli anziani. Il 32enne è stato invece arrestato e accompagnato presso il carcere di Cà del Ferro in attesa della convalida dell’atto.