Attualità
I danni del temporale

Tromba d'aria a Cremona: i terrificanti video delle auto schiacciate da una tettoia e da un albero

Necessario il continuo intervento dei Vigili del Fuoco per arginare i danneggiamenti, a Piacenza è morto un uomo.

Attualità Cremona, 05 Luglio 2022 ore 10:32

Danni tempesta

Durante la serata di ieri, lunedì 4 luglio 2022, buona parte del Nord Italia è stata colpita da violenti temporali. I vigili del fuoco hanno dovuto intervenire per limitare i danni provati dai nubifragi e dalle raffiche di vento particolarmente in Lombardia, Emilia Romagna e Veneto. A Cremona una violenta tromba d'aria ha divelto tetti e fatto crollare alberi. Il presidente di Provincia chiede a Regione Lombardia lo stato di calamità.

Tromba d'aria a Cremona

IL VIDEO:

Identico lo scenario nella città di Cremona dove una violenta tromba d'aria si è abbattuta allagando scantinati e sottopassi. I vigili del fuoco si sono messi immediatamente al loro anche con le pompe idrovore per cercare di liberare i punti allagati.

Il conteggio dei danni richiederà tempo, ma sono pesanti. Stiamo parlando di auto danneggiate o schiacciate da tetti e alberi, di abitazioni lesionate e cantieri devastati dal vento e dalla pioggia. Come si può ben vedere dal video qui sopra, la terribile forza del vento ha fatto volare in aria una tettoia che drammaticamente ha colpito un'autovettura che transitava proprio lungo la strada sottostante in quel preciso momento. Sempre a causa della tromba d'aria, un secondo veicolo ha subito la stessa sorte, ma questa volta schiacciato da un albero caduto a seguito della tromba d'aria.

Richiesta alla Regione dello stato di calamità

Dopo un'attenta stima dei danni causati dalla tromba d'aria che ha colpito la provincia di Cremona, Paolo Mirko Signoroni, Presidente della Provincia, ha chiesto ai sindaci di inviare una stima corretta dei danni, al fine di realizzare un report da trasmettere a Regione Lombardia per richiedere lo stato di calamità:

"Ho provveduto in mattinata a trasmettere una nota ai Sindaci per raccogliere una prima stima dei danni, suddivisa per tipologia, al fine poi di inviare un report alla Regione Lombardia e richiedere lo stato di calamità - ha precisato il Presidente della Provincia di Cremona, Paolo Mirko Signoroni- La nostra protezione civile è  stata impegnata su tutto il territorio, intervenendo soprattutto in relazione ai danni causati dal forte vento, che ha danneggiato strutture pubbliche e private, e per la caduta di alberi sui tratti viari locali".

I danni nel piacentino e in Veneto

A Besenzone nel Piacentino è crollata la parete di un casolare e un uomo è morto. Sempre nella provincia di Piacenza il vento ha scoperchiato un ospedale. In città sono state inoltre travolte dalla pioggia 300 bancarelle nella fiera patronale di Sant'Antonino.

In Veneto, i vigili del fuoco hanno effettuato quasi 200 interventi a causa dei temporali, soprattutto a causa del vento fortissimo che ha colpito tetti e alberi. Secondo i pompieri le province più colpite sono quelle di Vicenza e di Padova.

A Modena incendi per i fulmini

A Modena, invece, sono stati abbattuti degli alberi e alcune fabbriche sono state scoperchiate. I fulmini hanno provocato, inoltre, alcuni principi d'incendio nei campi in buona parte spenti dalla pioggia. Sul posto sono andati subito i pompieri che non hanno rilevato persone ferite.

Seguici sui nostri canali