I DATI

Sempre più turisti a Cremona e provincia: nel 2023 +11%

Con oltre 221mila arrivi si conferma la ripresa iniziata dopo la fine dell'emergenza sanitaria

Sempre più turisti a Cremona e provincia: nel 2023 +11%
Pubblicato:

(Foto di copertina creata con AI)

L’Ufficio Statistica della Provincia di Cremona ha pubblicato l’annuale Rapporto sul turismo in provincia di Cremona 2023 sull'elaborazione dei dati Istat raccolti tra gli operatori del settore con il supporto dell’amministrazione provinciale.

Il report fotografa l’offerta ricettiva complessiva, dei centri urbani più importanti e per aree di riferimento (cremonese, cremasco e casalasco), ma anche i flussi di visitatori e i pernottamenti. Nella nostra provincia si conferma il trend in crescita con un +11% rispetto al 2022.

Strutture ricettive

L’offerta ricettiva sul territorio provinciale è aumentata di 75 unità rispetto al 2022, per un totale di 426 strutture, 43 delle quali alberghi, mentre le restanti sono strutture extra alberghiere (B&B, agriturismo, ostelli,…). Gli alberghi presenti in provincia sono prevalentemente a 3 stelle (20) e a 4 stelle (15) e offrono complessivamente 2.236 posti letto.

STRUTTURE ALBERGHI CASE e APPARTAMENTI POSTI LETTO CAMERE
426 43 383 15.13 6.18

I flussi turistici

Negli anni precedenti alla pandemia da Covid-19, i dati sul turismo in provincia erano stati in costante crescita. La ripresa iniziata dopo la fine dell’emergenza sanitaria si conferma anche nel 2023 con oltre 221mila arrivi (dato paragonabile a quello 2018) e 457mila pernottamenti, il numero più altro registrato negli ultimi 10 anni), con una netta preferenza per le strutture alberghiere (77%).

Le stagioni preferite per visitare il territorio cremonese sono primavera e autunno. Spicca in particolare il mese di settembre (22.413 arrivi), mentre il maggior numero di pernottamenti si registra a luglio, nel cuore dell’estate (45.372).

Turisti: +11%

Gli arrivi complessivi sono in aumento dell’11% rispetto al 2022, in particolare quelli di turisti stranieri (+30%). Stessa tendenza anche per i pernottamenti: il 66% di quelli registrati nel 2022 sono di turisti italiani, mentre il 34% di visitatori da oltre confine (+25%). I paesi di provenienza sono prevalentemente europei (Germania, Francia e Svizzera), ma l’aumento percentualmente maggiore è quello dei turisti provenienti dalla Cina.

A corto raggio invece il turismo degli italiani, che scelgono Cremona e il suo territorio partendo soprattutto da altre province della Lombardia (38%), Emilia Romagna (9%), Piemonte e Veneto (8%).

Stabile la voce della permanenza media, ossia il rapporto tra numero di presenze e pernottamenti: 2,1 giorni il dato del 2022, allineato a quello degli ultimi 10 anni. Molto interessante l’indice di utilizzazione lorda, la percentuale di posti letto realmente utilizzati durante l’anno. La media è del 28%, con un picco positivo del 34% in aprile e uno negativo nel mese di gennaio (20%).

ARRIVI PERNOTTAMENTI PERMANENZA MEDIA
(giorni)
INDICE DI
UTILIZZAZIONE
230.32.00 466.41.00 2,1 28%

Cremona la più visitata

Cremona è il centro urbano più visitato dai turisti (42% delle visite complessive): 92mila gli arrivi (+15%) e 188mila i pernottamenti complessivi (+11%). Più staccate Crema e Casalmaggiore, scelte da 19mila e 18mila turisti: in crescita il dato del centro casalasco, sia in termini di visite (+50%) che di pernottamenti (+38%).

Commenti
Lascia il tuo pensiero

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui nostri canali