LAVORI DI RIQUALIFICAZIONE

Lavori Pronto Soccorso Cremona, da oggi nuovo percorso per ambulanze e automobili

Nulla cambia invece per i pedoni

Lavori Pronto Soccorso Cremona, da oggi nuovo percorso per ambulanze e automobili
Pubblicato:
Aggiornato:

Da oggi, mercoledì 3 aprile 2024 partiti i lavori di riqualificazione del Pronto Soccorso dell'Ospedale di Cremona: nuovo percorso per ambulanze e automobili. Nulla cambia invece per i pedoni.

(Foto di copertina: ingresso ambulanze e automobili, nuova segnaletica)

Riqualificazione Pronto Soccorso Cremona

È partito questa mattina, mercoledì 3 aprile 2024, il cantiere edilizio per la riqualificazione strutturale e l’ampliamento del Pronto Soccorso dell’Ospedale di Cremona.

Con l’obiettivo di consentire il corretto svolgimento dell’attività sanitaria, che verrà garantita senza alcuna variazione e in totale sicurezza, i lavori si svolgeranno in quattro diverse fasi per una durata complessiva di quindici mesi.

Cosa cambia per gli utenti

Ambulanze e automobili da oggi dovranno quindi imboccare la discesa a destra della rampa principale che resterà chiusa fino a marzo 2025. Il nuovo accesso è ben indicato dalla segnaletica orizzontale (linea rossa) e verticale (cartellonistica).

L’ingresso pedonale resta quello di sempre, ovvero dalla rampa di destra: il percorso è stato ulteriormente evidenziato dalla linea gialla e dalla presenza di un maxi-cartello rifrangente.

Queste indicazioni valgono anche per il Pronto Soccorso pediatrico: il triage dei bambini continuerà ad essere svolto dal Pronto Soccorso centrale.

Ingresso Pedonale, nuova segnaletica

I lavori in quattro fasi

Prima Fase: Aprile - Luglio 2024

Insediamento e organizzazione del cantiere con la netta separazione dell’attività sanitaria da quella edilizia.
Realizzazione scavi e opere di fondazione per l’ampliamento.
L’attuale camera calda (dove oggi arrivano ambulanze e automezzi) verrà trasformata in una sala di attesa ampia con vista alberi grazie ad una elaborazione grafica pensata per rendere il più confortevole possibile la permanenza degli utenti.
L’accettazione-triage verrà spostato nelle stanze dell’attuale Osservazione Breve intensiva (OBI) che si sposta in ambienti dedicati accanto alla Medicina d’urgenza.

Seconda fase: Luglio 2024 - Marzo 2025

Costruzione nuova area destinata alla media-alta intensità.
Creazione sala emergenza (shock room).
Trasferimento dell’ambulatorio a bassa intensità.

Terza fase: Aprile 2025 - Luglio 2025

Trasferimento temporaneo dell’area a media-bassa intensità in Medicina d’urgenza.
Trasferimento della Medicina d’urgenza in Week surgery (6° piano, lato sinistro).

Quarta fase: Luglio - Agosto 2025

Fine lavori.
Apertura del nuovo Pronto Soccorso.

Il progetto

I lavori, inizialmente finanziati con Decreto-legge 34/2020 a sostegno dello sviluppo post-pandemico, rientrano oggi nel Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) per un importo complessivo di 4milioni e 550mila euro.

Il progetto prevede un intervento radicale di ristrutturazione di tutti gli spazi in uso dal Pronto Soccorso di Cremona e la realizzazione di un nuovo fabbricato. Fra i principali obiettivi ci sono la riorganizzazione dei percorsi sanitari in modo più efficiente, l’ampliamento delle aree operative destinate al trattamento dei pazienti suddivise per intensità di cura e l’adeguamento degli impianti agli attuali standard.

Spazi adeguati

Alla fine dei lavori il pronto soccorso di Cremona sarà una struttura adeguata ad accogliere i 56mila pazienti che ogni anno si rivolgono al servizio. Avrà spazi ampi, suddivisi per area di intensità che permetteranno una migliore organizzazione dei percorsi. Sarà dotato di nuove strumentazioni che aumenteranno l’efficienza delle prestazioni. Potrà disporre di una nuova sala emergenza dedicata ai codici rossi (shock room) di fronte alla quale verrà allestita la sala di radiologia d’emergenza pronta ad accogliere la TAC.

L’accettazione-triage sarà caratterizzata dalla separazione dei percorsi: chi arriva in ambulanza non incontra gli utenti che arrivano in autonomia. Ci sarà uno spazio dedicato alla presa in carico infermieristica anticipata (percorso già in atto, ma senza spazio dedicato), fondamentale per la gestione dei tempi di attesa e la gestione tempestiva dei casi.

Commenti
Lascia il tuo pensiero

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui nostri canali