Attualità
Campagna vaccinale

Da sabato 8 gennaio prenotazioni terze dosi a 4 mesi e per fascia 12-15 anni

Nel frattempo, in Lombardia sono state raggiunte le 20 milioni di dosi somministrate.

Da sabato 8 gennaio prenotazioni terze dosi a 4 mesi e per fascia 12-15 anni
Attualità Cremona, 06 Gennaio 2022 ore 13:02

Come segnalato da Regione Lombardia, dal prossimo sabato 8 gennaio 2022, sarà possibile prenotare la terza dose per tutti coloro che hanno completato il ciclo vaccinale (con una o due dosi in base al vaccino utilizzato) da almeno 4 mesi e per i soggetti compresi nella fascia d'età 12-15 anni.

Da sabato 8 gennaio terza dose a 4 mesi e per fascia 12-15 anni

Da sabato 8 gennaio 2022, la prenotazione della dose booster sarà possibile per tutti i lombardi che hanno completato il ciclo vaccinale (con una o due dosi in base al vaccino utilizzato) da almeno 4 mesi (120 giorni). Contestualmente potranno accedere alla prenotazione della  terza dose di vaccino anti Covid-19 anche i soggetti di età compresa tra i 12 e i 15 anni che hanno completato il ciclo vaccinale primario.
In analogia con quanto già stabilito per la fascia di età 16-17 anni e per i soggetti fragili di 12-15 anni, questo booster sarà effettuato con il vaccino Comirnaty di Pfizer/BioNTech, indipendentemente dal vaccino utilizzato per il primo ciclo. Le somministrazioni di terze dosi ai ragazzi della fascia 12-15 anni partiranno dal 10 gennaio.

LEGGI ANCHE: In Lombardia somministrate più di venti milioni di dosi di vaccino

Accessi su prenotazione

Nei giorni scorsi Moratti aveva fatto appello al senso civico dei lombardi, chiedendo di non affollare i centri vaccinali senza prenotazioni. E da Palazzo Lombardia ricordano che l'accesso sarà consentito attraverso i consueti canali:  la piattaforma regionale www.prenotazionevaccinicovid.regione.lombardia.it e il numero verde gratuito 800894545.

Vista la sempre alta affluenza ai centri vaccinali, Regione invita a non presentarsi in accesso diretto per non rischiare, di fatto, di allungare i tempi di attesa e creare problemi di gestione al personale impegnato nella vaccinazione. Le agende dei centri vaccinali di tutta la Regione sono state ampliate con nuove disponibilità per soddisfare l’aumento di richiesta di vaccino da parte della popolazione.