Menu
Cerca
Fotografia del territorio

Anniversario dell'Arma dei Carabinieri: i fatti di cronaca del Cremonese più rilevanti dell'ultimo anno

Dalle due vite salvate ai numerosi arresti.

Anniversario dell'Arma dei Carabinieri: i fatti di cronaca del Cremonese più rilevanti dell'ultimo anno
Attualità Cremona, 06 Giugno 2021 ore 12:17

Si è celebrato ieri il 207° annuale di fondazione dell’Arma dei Carabinieri. Anche quest’anno le misure di contenimento della pandemia non hanno consentito di celebrare l’evento con la solennità del passato, ma si è preferita una simbolica cerimonia, svolta all’interno della Caserma intitolata al Cap. De Tommaso, sede della Legione Allievi Carabinieri, alla quale ha preso parte un ridotto numero di Autorità. La mattinata si è aperta con la deposizione di una corona d’alloro al Sacrario del Museo Storico dell’Arma dei Carabinieri da parte del Comandante Generale Gen C.A. Teo Luzi, e dei Presidenti dell’Associazione Nazionale Carabinieri, dell’Associazione Nazionale Forestali e dell’Opera Nazionale di Assistenza per Orfani dei Militari dell’Arma, che hanno reso omaggio ai Caduti.

Anniversario dell'Arma a Cremona

A Cremona la cerimonia si è svolta all’interno della Caserma S. Lucia dove il Comandante Provinciale Col. Giuliano Gerbo ha ricevuto l’Autorità di Governo, il Prefetto della Provincia di Cremona Vito Danilo Gagliardi cui sono stati resi gli onori da un picchetto in Armi. La massima Autorità ha poi reso gli onori ai caduti presso il monumento realizzato alla loro memoria alle note del silenzio. La cerimonia si è poi conclusa con un momento di saluto al personale e di espressione di soddisfazione del Prefetto per il lavoro, per la maggior parte silenzioso ma importantissimo dei Carabinieri sentinelle di regole giuste, equità, vicinanza ai più deboli.

Il bilancio nel Cremonese nell'ultimo anno

Nella provincia cremonese, con una soglia di sicurezza pubblica fra le più alte d’Italia, ricordiamo alcune delle attività di polizia giudiziaria particolarmente significative:
- nel settembre 2020, l’arresto di una banda di cittadini rumeni dedita al furto dei carichi di tir in sosta in aree di parcheggio.
- Nel novembre 2020 l’arresto di un cittadino ucraino specializzato nel furto di cosmetici e prodotti per la cura della persona trovato nella disponibilità di un magazzino dove aveva stoccato decine di migliaia di euro di prodotti di alta gamma.
- Nel gennaio 2021 l’arresto di una coppia di rumeni dediti ai furti all’interno di stazioni di servizio della Lombardia trovati in possesso di refurtiva per migliaia di euro e numerosi arnesi da scasso.
- Nel gennaio del 2021 vengono arrestate 2 persone responsabili dello sfruttamento della
prostituzione di giovani ragazze cinesi in un appartamento del capoluogo.
- Nel marzo del 2021 l’individuazione di una banda formata da 8 persone di varie nazionalità, disoccupati e regolari dediti alle truffe organizzate di anziani con la cosiddetta tecnica “dell’asfalto” consistente nell’offrire a prezzo concorrenziale bitumazioni di aree private, ottenere acconti e sparire senza aver eseguito il lavoro
- Nel marzo 2021 il deferimento all’Autorità giudiziaria dei 16 responsabili del reato di
danneggiamento aggravato di una grande cascina nel casalasco.
- Nell’aprile 2021 è stato sgominato un gruppo criminale arrestando 12 persone per reati contro il patrimonio e la persona, dedite a furti ricettazione, riciclaggio di auto e parti di auto in italia ed all’estero consentendo il recupero, nel corso delle indagini, di centinaia di migliaia di euro di refurtiva.

In due episodi due pattuglie di carabinieri in servizio perlustrativo hanno salvato persone in pericolo di vita:

- a San Daniele Po, in Stagno Lombardo (CR) prestando soccorso ad un 71enne del luogo che veniva colto da malore per scompenso cardiaco rianimato grazie al tempestivo allarme al personale medico e scongiurando un peggior epilogo.

LEGGI ANCHE: Colto da malore, vede una pattuglia e chiede aiuto: poi si accascia al suolo

- A Cremona fermando un convoglio passeggeri in transito sulla linea per Piacenza poco prima che travolgesse una giovane distesa sui binari con intenti suicidi. I militari, allertati dai genitori che avevano scoperto le intenzioni, si sono diretti lungo la via ferrata trovando la ragazza e traendola in salvo.