I consigli dei sommozzatori

Ancora morti nei fiumi: la memoria atavica dei nonni e le dieci regole d'oro da seguire

Ogni estate fiumi e canali della pianura mietono decine di vittime, soprattutto straniere. Perché?

Ancora morti nei fiumi: la memoria atavica dei nonni e le dieci regole d'oro da seguire
Attualità Cremona, 22 Giugno 2021 ore 10:36

Ancora due morti nei fiumi. Altre due giovani vite spezzate troppo presto, in una lunga strage che ogni estate miete ancora troppe vittime, soprattutto straniere. Perché? Una domanda che attraversa la mente di sindaci e soccorritori, ogni estate, ma che trova soltanto risposte parziali. Scarsa conoscenza del territorio? Possibile, sebbene i cartelli che indicano il divieto di balneazione siano visibili ovunque. Sprezzo del pericolo? Anche.

LEGGI ANCHE: Cercano refrigerio ma trovano la morte: Sakshi e Hartik avevano solo 18 anni

Ma il fatto che la maggior parte delle vittime non siano originarie della nostra pianura, indica probabilmente che a mancare è soprattutto la "memoria atavica" del fiume, quella che di generazione in generazione si instilla nei ragazzi e nei bambini, imponendo loro di restare, per carità, il più possibile all'asciutto. E di temere la corrente anche quando il caldo è asfissiante e l'acqua, tanto fresca, sembra tranquilla e innocua.

Ogni estate l'inutile strage

"Stai lontano dal fiume". Quante volte ce l’hanno detto da piccoli, e da ragazzini poi, i nostri nonni e i nostri genitori? Così tante che nel nostro immaginario collettivo il fiume è diventato un "mostro", un po’ infido, che ci tenta nei giorni più caldi dell’estate, ma che spesso nasconde la sua forza sotto una superficie apparentemente calma e per questo ancora più pericolosa. Forse è un po’ questo retaggio, insieme al divieto di balneazione esteso a tutti i corsi d’acqua a tenerci lontano dal pericolo, a ricordarci – quando ci avviciniamo alla riva – di prestare la massima attenzione e di riservare al fiume un silenzioso rispetto.

In campo le associazioni delle comunità straniere

Ma ciononostante da decenni i fiumi, l’Adda, così come il Serio e l’Oglio, si portano via vite, spesso molto giovani. Negli ultimi anni gli incidenti hanno coinvolto in modo particolare gli stranieri, meno informati sui rischi che si corrono quando ci si tuffa in un fiume e sui divieti che – già da soli – dovrebbero disincentivare anche i più coraggiosi. Non solo: la mancanza di un background culturale, educativo e familiare, legato alle tragedie che ogni anno capitano nella Bassa, è probabilmente un altro ingrediente micidiale, nel cocktail fatale che ogni anno ingrossa le fila dei caduti dei fiumi.

Per questo motivo, come riporta Prima Treviglio, già due associazioni del territorio hanno deciso di impegnarsi in una campagna di sensibilizzazione nei confronti delle comunità straniere che vivono nella Bassa. Si tratta dell’associazione "Pace" di Romano e della "Assosb 2" di Verdellino entrambe pronte a organizzare assemblee e incontri insieme ai soccorritori per informare sui rischi e prevenire altre tragedie.

Le dieci regole d'oro dei sommozzatori

Un appello, quello alla prevenzione attraverso una corretta informazione, che i sindaci dei Comuni che si affacciano sui nostri fiumi chiedono da tempo a gran voce. Ma ecco le 10 regole d'oro per evitare di trovarsi in situazioni pericolose.