Menu
Cerca
Un sorriso per i piccoli pazienti

Album, figurine e gadget per i bambini della pediatria dell'ospedale di Cremona

Omaggi anche per i figli degli operatori della Terapia Intensiva. Una doppia donazione grazie alla Bi.Genitori.

Album, figurine e gadget per i bambini della pediatria dell'ospedale di Cremona
Attualità Cremona, 07 Giugno 2021 ore 16:37

Doppia donazione della Bi.Genitori all'Ospedale di Cremona: album, figurine e gadget ai bimbi della pediatria e ai figli degli operatori della Terapia Intensiva.

Album, figurine e gadget per i bambini della pediatria dell'ospedale di Cremona

Questo pomeriggio - lunedì 7 giugno 2021 - il presidente dell’Associazione Bi.Genitori Massimo Brugnini, ha portato in dono album, figurine e gadget dei personaggi più amati da bambine e bambini. La donazione è rivolta ai piccoli ospiti della Pediatria e ai figli degli operatori della Terapia Intensiva.

Ad accogliere entusiasti la donazione in Pediatria il Direttore Claudio Cavalli e la coordinatrice Norma Bergonzi. In Terapia Intensiva il direttore Enrico Storti, la coordinatrice Carla Maestrini e due infermiere (Cristina Pilati e Mori Samanta).

Il dottor Claudio Cavalli, Massimo Brugnini e Norma Bergonzi

 “Nel Consiglio Direttivo dell’Associazione siamo tutti d’accordo per cercare di riprendere le nostre attività abituali di consulenza e sostegno, ma una su tutte è stata quella rivolta ai bambini che si trovano ricoverati nel reparto di pediatria dell’ospedale di Cremona, una consuetudine che grazie alla collaborazione con la Panini Spa siamo sempre riusciti a fare in occasione delle feste natalizie, ma la pandemia non ci ha permesso di farlo lo scorso dicembre ed è per questo motivo che grazie alla disponibilità della direzione dell’ospedale, la donazione di oggi sarà il nostro primo segnale di ripresa” -  afferma Massimo Brugnini - “Abbiamo pensato di destinare gli album e le figurine anche ai figli degli operatori della Terapia Intensiva, come gesto di ringraziamento per l’importanza del lavoro svolto durante la pandemia”.