in quarantena

Il consumo di vino è cresciuto durante il lockdown

Scendono birra e alcolici, l’aumento si registra soprattutto nella fascia d’età fra i 30 e i 50 anni

Il consumo di vino è cresciuto durante il lockdown
29 Maggio 2020 ore 10:32

Il consumo di vino è cresciuto durante il lockdown, in modo rilevante. Ad affermarlo è uno studio condotto dall’Euawe, l’Associazione europea di economisti del vino e dall’Università di Bordeaux, grazie a un sondaggio realizzato in Spagna, Belgio, Italia, Francia, Austria, Germania, Portogallo e Svizzera. L’analisi si è basata su un campione di 6.600 risposte. A tale indagine hanno partecipato anche ricercatori delle Università di Verona, Padova, Bologna e della Liberà Università di Bolzano.

In crescita il consumo di vino

Che cosa si evince? Nel periodo della quarantena a casa c’è stata una diminuzione del consumo di birra e alcolici. Con conseguente incremento di quello di vino, etichettato come “aumentato in modo marcato”. In particolare l’aumento maggiore si è registrato nella fascia d’età fra i 30 e i 50 anni. Emergono poi delle differenze tra paese e paese in Europa: la Francia ha registrato l’aumento maggiore, mentre in Italia, Spagna e Portogallo sono state maggiormente le fasce d’età più elevate a caratterizzare l’aumento dei consumi.

Cambia la modalità d’acquisto

Secondo lo studio l’8,3% degli italiani ha acquistato vino online per la prima volta, contro il 6,6% degli spagnoli, il 5,2% dei portoghesi e il 4,6% dei francesi. Tuttavia l’analisi evidenzia come oltre l’80% degli intervistati non abbia comprato vino online. Ad incidere sono anche il nucleo famigliare e il reddito. Il fatto di non avere figli a casa ha favorito i consumi, mentre chi ha avuto minori entrate economiche ha prediletto il consumo di birra.

Top news regionali
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Curiosità
ANCI Lombardia