110% di detraibilità

Superbonus, partito il servizio di cessione del credito negli uffici postali

Disponibile anche online sul sito www.poste.it

Superbonus, partito il servizio di cessione del credito negli uffici postali
22 Ottobre 2020 ore 13:12

Da lunedì 19 ottobre 2020 in tutti gli Uffici Postali è disponibile il servizio di cessione del credito d’imposta relativo al cosiddetto Superbonus (Ecobonus e Sismabonus) con il 110% di detraibilità delle spese e la possibilità per il beneficiario di cedere il corrispondente credito fiscale a Poste Italiane (in copertina l’ad Matteo Del Fante) come previsto dal Decreto Rilancio.

Servizio di cessione del credito

Il servizio, disponibile sia per le imprese che per i privati, è aperto ai titolari di un conto BancoPosta (6 milioni di clienti privati e 300.000 imprese), anche online attraverso il sito www.poste.it .

Per poter accedere al servizio di cessione del credito di imposta gli interessati non dovranno presentare alcuna documentazione per istruire la pratica.

Una volta stipulato il contratto di cessione, il correntista che abbia maturato il credito fiscale dovrà solo accedere alla piattaforma dell’Agenzia delle Entrate e comunicare i dati della cessione secondo le modalità previste dalla normativa di riferimento.

Superbonus negli uffici postali

A seguito del perfezionamento della cessione nei confronti dell’Agenzia delle Entrate, riceverà la liquidità sul proprio conto BancoPosta.

Sul sito www.poste.it è a disposizione un “simulatore” del prezzo di acquisto dei crediti d’imposta di cui al Decreto Rilancio.

Poste Italiane sostiene la ripresa economica del Paese, nel quadro delle misure previste dal Decreto Rilancio, attraverso il servizio di “cessione del credito di imposta” con il quale offre la possibilità a cittadini e imprese correntisti BancoPosta di ottenere liquidità a fronte della cessione a Poste Italiane dei crediti previsti dalla normativa incentivante.

Top news regionali
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia